venerdì 18 aprile 2014

Un pioggia di fiori gialli

"Allora entrarono nella stanza di José Arcadio Buendía, lo scossero con tutte le loro forze, gli gridarono nell'orecchio, gli misero uno specchio davanti alle narici, ma non riuscirono a svegliarlo. Poco dopo, quando il falegname gli prendeva le misure per la bara, videro attraverso la finestra che stava cadendo una pioggerella di minuscoli fiori gialli. Caddero per tutta la notte sul villaggio in una tormenta silenziosa, e coprirono i tetti e ostruirono le porte, e soffocarono gli animali che dormivano all’aperto. Tanti fiori caddero dal cielo, che al mattino le strade erano tappezzate di una coltre compatta, e dovettero sgombrarle con pale e rastrelli perché potesse passare il funerale."

Gabriel García Márquez (1927-2014), Cent'anni di solitudine (traduzione di Enrico Cicogna)

 

24 commenti:

  1. raccoglierò alcuni di quei fiori e li farò seccare tra le pagine che narrano le storie che mi hanno accompagnato lontano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io stamattina sono andata subito a cercare quel brano, e l'ho trovato a pagina 133, insieme a un fiore spiaccicato che ci avevo messo tanto tempo fa, non proprio il fiore perfetto da seccare, visto che ha tinto tutta la pagina di marrone :-)

      Elimina
    2. ci vogliono 2 fogli di carta velina all'inizio:) ma Gabriel apprezzerà comunque

      Elimina
    3. Ah, ecco! Mamma mia, che frana che sono :-D

      Elimina
  2. Credo di essere l'unica umana scolarizzata a non aver letto quel libro...
    Chissa' se avro' tempo di rimediare.
    Bella citazione per salutarlo, comunque.

    RispondiElimina
  3. A me è venuta voglia di rileggerli tutti i suoi libri, milioni di parole che meriterebbero tutte di essere citate.

    RispondiElimina
  4. "Molti anni dopo, di fronte al plotone di esecuzione, il colonnello Aureliano Buendía si sarebbe ricordato di quel remoto pomeriggio in cui suo padre lo aveva condotto a conoscere il ghiaccio"
    indimenticabile e sempre presente... non è un addio, le parole rimangono e con loro il loro padre

    RispondiElimina
  5. Uno dei libri della vita, quelli che mi hanno fatto scoprire il gusto della lettura e della rilettura.
    Non finiremo mai di essergli grati!

    RispondiElimina
  6. le sue parole, le sue immagini sono state con me fin dall'adolescenza. ho amato Macondo come fosse il mio paese....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io l'ho letto tutto da adolescente, e riletto (almeno "Cent'anni") a trent'anni. E' ora di rileggerlo!

      Elimina
  7. Oh, sì, anch'io ho pensato subito alla pioggia di fiori gialli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma pensa che io quel brano me lo ricordavo molto più lungo!

      Elimina
  8. Uno dei miei libri preferiti

    RispondiElimina
  9. Quanto mi è dispiaciuto apprendere della sua morte! Mi consola pensare che gli autori come lui, in fondo, non muoiono mai ma rivivono nelle loro pagine ogni volta che qualcuno le legge!
    Un caro saluto e tanti auguri di buona Pasqua.

    RispondiElimina
  10. Marquez fondeva mirabilmente sensibilità maschile e femminile, in un pathos che andava oltre ... Comunque chi scrive bene non muore mai. Rimane vivo dentro di noi.

    RispondiElimina
  11. Non riesco ad essere completamente triste di fronte alla sua morte perché la traccia che ha lasciato su questo mondo gli sopravvive. Comunque io avevo letto Cent'anni di solitudine centellinandolo da quanto lo amassi: ne leggevo due pagine di numero al giorno, sono andata avanti mesi...

    RispondiElimina
  12. Uno dei miei scrittori preferiti. Peccato abbia ancora in mente quel brutto film tratto da l'amore ai tempi del colera.

    Buona Pasqua cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ricordo se l'ho visto. Certe volte avere una cattiva memoria aiuta :-)
      Buona Pasqua anche a te!

      Elimina
  13. Ho letto e amato Cent'anni di solitudine, ma non posso dire di essere una fan di Marquez, ma solo per ignoranza. Ciò detto, che riposi in pace. (senza le cazzatine del RIP per favore no). Le isterie collettive no, non credo le avrebbe amate nemmeno lui.
    approfitto per farti tanti auguri di buona Pasqua!

    RispondiElimina
  14. Anche se non lo elggevo da anni, posso dire che è uno dei miei ... da ragazzo ho cominciato ad apprezzare la letteratura leggendo i suoi libri. Cent'anni di solitudine è stato un gran bel modo di iniziare, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, io ricordo quando facevo la volontaria allo stand del libro alla festa dell'Unità di Piangipane, in provincia di Ravenna, e convincevo i compagni duri e puri a leggerlo...

      Elimina
  15. Marquez è stato uno dei miei scrittori latino americani preferiti, sapeva arrivare al cuore, all'anima, con garbo ed eleganza

    RispondiElimina