giovedì 22 novembre 2012

Africa for Norway: manda anche tu un termosifone in Norvegia

Ho appena visto l'articolo sul Post, e non potevo fare a meno di riprenderlo.

Radi-Aid è una finta campagna di beneficenza organizzata dai paesi africani per inviare termosifoni in Norvegia. Il video, realizzato dal SAIH e finanziato dall’Agenzia Norvegese per la Cooperazione e lo Sviluppo, cerca di sfatare gli stereotipi delle iniziative benefiche per l'Africa. Che sì, è un continente con molti problemi, ma che non può sempre e solo essere identificato con la fame, le guerre e l'AIDS. Soprattutto da chi vuole aiutarlo.

15 commenti:

  1. E' talmente divertente ed intelligente che potrebbe essere uscito dalla mente di Lubitsch!

    RispondiElimina
  2. Grazie Silvia, è davvero interessante e mi ha fatto molto, molto ridere. Non ho mai dimostrato un minimo di sensibilità, nei confronti dei norvegesi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanch'io, e mi sento molto in colpa. Occorre rimediare subito a questa ingiustizia!

      Elimina
  3. I problemi dell'Africa hanno arricchito parecchia gente non africana. Ho letto che nel caso di VERI enti benefici (perchè molti sono del tutto fasulli) fino all'80% dei fondi raccolti viene speso per l'organizzazione stessa, quindi è sempre una piccola parte quella che arriva agli interessati.

    Il video è molto simpatico, ma rischia di dare un messaggio che mette in pace le coscienze degli occidentali che invece sono colpevoli di aver sfruttato quel continente e di sfruttarlo ancora, come mercato dell'industria bellica o come discarica per i rifiuti scomodi... (e lo chiamano smaltimento!) Solo un paio di esempi, ma quanti ce ne sarebbero! :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, però anche loro, pensa che palle essere continuamente oggetto di canzoncine e video melensi in cui sono sempre ritratti solo come morti di fame!

      Elimina
  4. Straordinario: potrebbe essere un racconto oaradossale di Achille Campanile! Spero non ti dispiaccia se ti ho" condiviso" su facebook.

    RispondiElimina
  5. c'è del genio in quel video

    RispondiElimina
  6. Bellissimo e veramente geniale!

    RispondiElimina
  7. Ma se nell'Africa postcoloniale continueranno le faide, la corruzione, e le guerre intestine, temo che sarà ancora la Norvegia a continuare ad esportare termosifoni nel "continente nero". Una situazione paradossale, ma che mi ricorda l'Unione Sovietica che pur essendo lo stato più esteso del mondo aveva continuo bisogno di importare grano e tanti prodotti industriali essenziali.
    Un vero peccato, soprattutto se pensiamo che l'essere umano trae origine proprio dall'Africa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, l'Africa... ci sarebbero fiumi di discorsi da fare, sulle responsabilità passate e attuali dello stato disastroso di un intero continente.

      Elimina
  8. Tra l'altro il video è fatto benissimo e in maniera davvero intelligente. Poveri norvegesi con il culetto al freddo... ;-)

    RispondiElimina
  9. Ahahahahha bellissimo! :D Ti segnalo, nello stesso spirito, "Poveri voi", la prima ONG africana che porta aiuti umanitari all'Italia! Qui il sito: http://www.poverivoi.org/

    (Ah, non c'entra nulla col post ma sono un'aspirante traduttrice letteraria e il tuo blog mi piace un sacco ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo, grazie! Mi piace molto la campagna "Adotta un giovane italiano".

      Elimina