giovedì 9 gennaio 2014

Sono tornate le cince!

Sono stati momenti di panico. Un giorno ho spalancato la porta nel negozio per animali urlando: "Dove sono le cince?!?" La gente azzardava ipotesi su migrazioni sballate, primavere piovose, inverni miti, ma tutti erano preoccupati. Non c'erano cince. Le palline di grasso che sparivano dal mio balcone al ritmo di una alla settimana, ora languivano lì senza nessuno che vi si appendesse a becchettare. L'amica ornitologa, stremata dai miei appelli disperati, mi ha inviato un documento francese sull'insolita assenza degli uccelli dalle mangiatoie, da cui risultava che in effetti la primavera piovosa ha ostacolato la riproduzione, e l'assenza di neve in montagna ha rallentato la migrazione, con un conseguente calo del 30% nella presenza di cince.
Ma adesso in montagna c'è la neve, e le cince sono tornate. La mia nuova casetta-mangiatoia è frequentata da paio di cince punk (dal ciuffo), cinciallegre, cince more e cinciarelle. E da un petirosso timidissimo che è l'unico a mangiare la palla di grasso. Quest'anno le cince vogliono solo arachidi e briciole dolci. Viziate.



37 commenti:

  1. in terrazzo hai le casette per le cince?? figo!!!

    RispondiElimina
  2. Ma sei organizzatissima! Anche io voglio un luna park per uccelli... Ne costruirò uno più grande per competizione! XD no, scherzo...sono già contenta di aver visto una cinciallegra sull'anello di semi che ho lasciato sul balcone. Cince col ciuffo: invidia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, temevo che non avrebbero apprezzato la casetta perché troppo elaborata, e invece l'adorano!

      Elimina
  3. ...ma vivi nella foresta amazzonica? ;) che invidia quelle foglie verdi!
    ora siamo più tranquilli. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahaha, no, il giardino condominiale appartiene alla tipologia dei giardini assiro-varesotti, con orride palme infestanti che hanno soppiantato la vegetazione autoctona.

      Elimina
    2. Il "giardino assiro-varesotto"... sono morta dal ridere. Ecco come li potrei chiamare! Il bosco vicino a casa mia diventerà il bosco assiro-prealpino ;-)
      Le cince punk sono er mejo.

      Elimina
  4. Come si suol dire, tutto è bene quel che finisce bene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà felice anche l'amica onitologa che non riceverà più le mie mail allarmate.

      Elimina
  5. Ahahaha anche tu con gli uccelli dalle creste punk?? :D

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Oh che meraviglia le tue cince! Io causa Nenè ho dovuto rinunciare ad attirare uccellini, già va in ansia con i piccioni sui lucernari (vuole che la mettiamo sulla trave per raggiungerli), temo che i piccolini non farebbero una bella fine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, meglio usarla come dissuasore per piccioni.

      Elimina
  7. Che carine :) Lieta che si siano fatte rivedere!

    RispondiElimina
  8. Quelle col ciuffo fanno troppo ridere...
    bentornate, dunque!

    ps ma poi ti scagazzano anche sul terrazzo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, piccine, perché se ne stanno appese all'esterno. E comunque lo scagazzamento è minimo anche per le ridotte dimensioni del pennuto. Una volta si sono palesati dei piccioni che ho scacciato con urla belluine, ma non abbastanza in fretta per impedire la deposizione di disgustosi escrementi che ho dovuto rimuovere lanciando litri di acqua bollente (purtroppo non sui piccioni).

      Elimina
  9. In questo momento il mio gatto mi guarda e sorride ... chissà perché...

    RispondiElimina
  10. Era da secoli, forse dalle elementari, che non sentivo/leggevo la parola cince ... E non che prima sapessi a che uccello si riferiva! Ora sì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da queste parti... virtuali si vedono spesso!

      Elimina
  11. Tu non sai quanto ti invidio. Sono bellissime (anche se viziate!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché, da te non ci sono? Basta poco per attirarle!

      Elimina
    2. Ricordo di averne vista una da piccola alla Pellerina (un parco molto grande a Torino, per chi non è del posto). Che io sappia non ce ne sono, e ultimamente dalle mie parti si vedono anche pochissimi passerotti.
      In compenso abbondano piccioni, corvi e gabbiani (non per il mare, che non c'è, ma per la discarica di Borgaro).

      Elimina
    3. La situazione dei passeri è decisamente preoccupante, è da anni che sono in calo, siamo arrivati a una diminuzione del 50%. Guarda per esempio qui.

      Elimina
  12. Cince viziate :-) Ma che carine! (Alle elementari ricevetti un encomio pubblico, davanti a tutta la scolaresca, perché d'inverno davo da mangiare agli uccelli. Ottima mossa della maestra, da quel momento in poi molti compagni imitarono il mio esempio a beneficio dei poveri uccellini sotto la neve.)

    RispondiElimina
  13. Ecco perchè amo il tuo blog: perchè ci sono i reportage su san Francisco, le notazioni letterarie ... e le notizie sulle cince. E io vivrei peggio senza (nell'ordine: senza le tue notizie sulle cince, senza la letteratura e senza i reportage!). Come stai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio, grazie! Domani pubblicherò un nuovo capitolo delle Cronache della tiroide :-)

      Elimina
  14. Che belle! Metto i semini sul davanzale e anche se mentre lavoro non li vedo arrivare, sentire che gli uccellini si posano e becchettano mi fa bene all'animo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima, quando abitavo nel tug... ehm, nella casetta con la terrazza, avevo una vaschetta dove i merli venivano a fare il bagno. Era bellissimo sentirli sciaguattare mentre lavoravo! Adesso sto troppo in alto per loro, non vengono più (oppure il balcone è troppo piccolo e non si fidano).

      Elimina
  15. Io ho un paio di casettine con la pappa (a Torbole) ma non viene nessuno.... :-(((
    Anche la gabbietta dei pipistrelli è vuota... :-(((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I pipistrelli non li conosco, non so le loro abitudini, ma per gli uccelletti mi sembra strano che non vengano. Forse non gli piace la casetta? Non è molto accessibile? Mumble mumble...

      Elimina
  16. Un paio di settimane fa 4 cince facevano colazione su uno degli alberi davanti casa. Un risveglio delizioso e che suono meraviglioso dai loro beccucci.
    Oggi invece si aggirava un pettirosso tutto impettito......si preannuncia la neve?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, qui oggi sembra aprile... ma presto torneremo sotto l'incessante diluvio.

      Elimina
  17. anche qui sembriamo proiettati verso la primavera, poche volte però il pettirosso sull'uscio di casa ha sbagliato la previsione. Forse si è smarrito.

    RispondiElimina