venerdì 19 settembre 2014

Le drag queen in municipio

Le drag queen di San Francisco chiedono che Facebook consenta l'uso del "nome d'arte", anziché imporre l'uso del vero nome. Un problema molto contemporaneo. D'altronde, come si può pretendere che abbandonino nomi meravigliosi come quelli citati QUI?
La foto è stata scattata durante la conferenza stampa al municipio. Non sono adorabili?



24 commenti:

  1. l'ultima a destra è splendida :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia preferita è la prima a sinistra :-)

      Elimina
    2. Anch'io voto per la prima a sinistra...

      Elimina
    3. Per la pettinatura, sopratutto :-)

      Elimina
    4. La prima a destra è ADORABLE!!

      Elimina
  2. Tutte fantastiche! Ce ne vorrebbero...

    RispondiElimina
  3. In effetti hanno ragione, e poi ai personaggi pubblici impongono il nome vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda il link che ho messo al commento di Ciccola, lì si spiega come funziona.

      Elimina
  4. Io non sono una drag queen, ma su FB mi chiamo Miki Moz.
    E stasera ho uno spettacolo al Blue Oyster Club :p

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Meravigliose! Però scusa, chi l'ha detto che su Fb non si può usare il nome d'arte? Tra i miei amici io sono quasi l'unica a usare il mio vero nome.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, questo articolo di Wired spiega tutto molto bene. Pare che le drag queen siano state segnalate (da qualche omofobo dispettoso?) e quindi scoperte.

      Elimina
    2. Sono la solita ingenua. Non ci avevo pensato.

      Elimina
  6. Io vorrei avere la loro femminilità. Giuro.

    RispondiElimina
  7. Io mi prenoto per la vecchiaia... perdonate, ma sai che figurone. Altro che vecchia ciabatta! Non comprendo la "pochezza" di vietare il nome d'arte a delle artiste. Misteri del mondo di Boh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi tecnocrati sono privi di immaginazione e non sanno cos'è l'arte, si sa. Ottima l'idea per la vecchiaia, te la copio.

      Elimina
  8. Sono dalla loro parte.

    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  9. Le adoro, e in più credo che una battaglia per avere il nome che ci si sceglie sia comunque e in ogni ambito legittima e interessante.
    Quello che mi fa accapponare la pelle, è che la cosa sia rivolta a Fessobukko, neanche si trattasse di una vera Istituzione anziché di uno stramaledettissimo sorcial... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono rimasta perplessa, però credo che a loro serva molto per farsi pubblicità. Certo che è strano... ti dice tutto sul potere dei sorcial (e di chi li controlla)

      Elimina
  10. Dire che adorabili è il termine giusto... ora mi leggo il pezzo da Wired, per capire meglio.

    RispondiElimina
  11. Ho riletto il tuo pezzo magistrale su "Nazione indiana": Le Sorelle della San Francisco perpetua. Ma ce l'hai il tesserino di giornalista?! Lo meriti davvero. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, quell'articolo doveva confluire nel libro...

      Elimina