lunedì 1 settembre 2014

Concerti/1. Il blues yemenita e il country giapponese

Tempo fa l'ottimo Jazz Center ha organizzato quattro serate danzanti. La platea si è trasformata in un dance floor, dove il pubblico amante del ballo poteva scatenarsi in libertà. Noi siamo andati a sentire lo strepitoso concerto degli Yemen Blues, un gruppo che mescola "West African rhythms and ancient Jewish Yemeni melodies, mambo and funk" con un cantante fichissimo dall'energia inarrestabile. Una bella festa, con gente di tutte le età (davanti a me c'era una coppia di sessantenni, magnifici ballerini) che saltava e piroettava felice. Io mi sono dimenata come una derviscia, mentre Mr K rimaneva perfettamente immobile al centro della sala.

Yemen Blues


Qualche settimana dopo, la scelta musicale della serata è toccata a Mr K, che mi ha portato al Rite Spot Cafe a sentire Toshio Hirano, il mitico "Yodeling Japanese Cowboy". Tanti anni fa, il signor Hirano si innamorò della musica country e decise di dedicarle la vita. Solo Mr K poteva portarmi al concerto di un giapponese che gorgeggia yodel texani.

Toshio Hirano



23 commenti:

  1. ecco sì solo lui, però la brevità del commento sul concerto di Mr Hirano appare più eloquente di mille giri di parole :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amanda, tu leggi in me come se fossi un libro aperto ;-D

      Elimina
  2. Da te i pomodori saranno pomi...d'oro, perché introvabili, ma per due serate come queste, forse introvabili da noi, rinuncerei anche alla salsa di pomodoro, quella che in questi giorni bolle e ribolle nei barattoli di vetro dal nord al sud della penisola.

    RispondiElimina
  3. ahh che forte! sono davvero curioso di sentire un giapponese che suona musica country! dopo do un'occhiata su youtube! buona giornata:)) andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, ho scoperto che hanno anche girato un documentario su di lui!

      Elimina
  4. Beh..l'hai chiamato "il mitico", è già qualcosa!
    Ciao Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, be', un tipo così come minimo è mitico! :-D

      Elimina
  5. Che dire del cow-boy giapponese? Sorprendente mi pare già abbastanza!

    RispondiElimina
  6. L'ideale sarebbe poter fruire sia dei Yemen Blues che dei pomodori, con una sobria spruzzata di Toshio Hirano ... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra una ricetta ben bilanciata :-D

      Elimina
    2. ok, la mia era una provocazione e condivido perciò la ricetta di mari da solcare.

      Elimina
  7. Io amoooo la musica countryyyyyy! Ma cantata da un giappo non me la immagino. Invece nello Yemen ci ho vissuto, ma ballarla quella musica là non me lo immagino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', diciamo che era una musica yemenita moolto ibrida!

      Elimina
  8. A me invece l'attenzione si e' fermata all'immagine di Mr. K immobile in mezzo alla sala da ballo mentre attorno tutti si scatenano. Stava svolgendo un'analisi sociologica o appartiene a quel folto gruppo di uomini che "a me non piace ballare"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... più che non piacergli, diciamo che... ecco.. non gli riesce tanto bene ;-)

      Elimina
  9. Ah, il giapponese! che buffo!
    Anche io mi sarei dimenata come una derviscia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima volta che vengo a Berlino andiamo a ballare!

      Elimina
  10. Il giapponese sembra uscito da un film di Wenders periodo americano... un Harry Dean Stanton orientale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, queste manie bizzarre si trovano spesso nei tedeschi e nei giapponesi. I tedeschi per esempio sono fanatici degli indiani d'America.

      Elimina
  11. Il giappocountry mi mancava! Concordo: solo mr k poteva portartici ;D

    RispondiElimina