martedì 12 marzo 2013

Zakir Hussain e la festa delle percussioni

Non vedevo l'ora di andare a un concerto nel nuovissimo SFJAZZ Center, di cui avevo parlato già qui. Il programma della prima stagione è a dir poco succulento, e tanto per cominciare ho scelto un concerto del mitico maestro di tablas Zakir Hussain che suonava insieme ad altri tre maestri delle percussioni, Eric Harland, Giovanni Hidalgo e Steve Smith
Zakir e Giovanni
 Il concerto è stato per tre quarti fantastico. Il nuovo palazzo del jazz è ben progettato, di dimensioni perfette e con un'ottima visibilità anche per i posti dell'ultima fila in alto (come il nostro). Il secondo atto è stato un dialogo strepitoso tra Giovanni Hidalgo con le sue congas e Hussain con le sue tablas. Nel terzo e nel quarto atto Hussein ha suonato con due virtuosi della batteria dallo stile completamente diverso, Eric Harland e Steve Smith. Infine tutti e quattro si sono ritrovato sul palco per un pezzo finale che mi ha costretto a dimenarmi sullo sgabello come una tarantolata. Un concerto da urlo, davvero eccezionale.

Zakir e Eric

Zakir e Steve
Peccato solo per la prima parte, che non era prevista, e che è stata inserita all'ultimo momento per qualche motivo ignoto. Durante questa prima parte, Hussein ha suonato con un gruppo formato da: un sassofonista letargico; una cantante con l'abbigliamento di un'impiegata di banca e la scioltezza di un palo della luce; un tastierista che ci provava ma poi comprensibilmente si scoraggiava e gettava la spugna; altri due suonatori di tabla che sembravano terrorizzati; una quarta suonatrice di tabla che sembrava appena uscita da un ritiro zen per ricchi californiani dove aveva fatto un corso accelerato di tabla per raggiungere l'illuminazione; e infine, dulcis in fundo, una ballerina - nonché moglie e agente di Hussain - che pestava i piedi ornati di sonagli con la grazia di un elefante e che a metà del suo numero si è incastrata con il microfono che portava sulla schiena e ha passato tre minuti buoni a farselo togliere sul palco fra il gelo generale del pubblico. Suonavano una specie di malriuscitissima fusion indo-californiana che sicuramente non avevano mai provato neppure una volta. Mai visto uno spettacolo così imbarazzante. Il pubblico di San Francisco, però, notoriamente educatissimo, ha doverosamente applaudito. La correttezza politica spesso esagera.
Per fortuna il resto del concerto è stato così memorabile che posso tranquillamente dire che ne è valsa la pena.

Zakir e tutti

16 commenti:

  1. Forse la fusion Indian- californiana era un siparietto comico voluto. Chissà. Comunque avrei voluto esserci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, in effetti forse avremmo dovuto ridere. Io ero paralizzata dall'orrore.

      Elimina
  2. tu avrai visto uno spettacolo per metà imbarazzante ma noi ne abbiamo letto un memorabile resoconto :D ne valeva la pena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo show migliore è stato quello offerto nell'intervallo, quando io e un amico riminese ci siamo messi ad esprimere vivacemente il nostro disgusto in mezzo a una sala piena di americani educatissimi.

      Elimina
  3. Siete rimasti tutti lì? Io ho immaginato un quatto fuggi fuggi..
    Avete fatto bene a non andarvene, visti i successivi tre quarti di spettacolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, per fortuna abbiamo avuto speranza!

      Elimina
  4. Io una foto alla cantante/bancaria pero' l'avrei fatta...

    RispondiElimina
  5. Grazie per esserti unita al mio blog.
    I tuoi mi offrono numerosi spunti. Spero che San Francisco ti piaccia tanto. Io ci ho
    lasciato il cuore.

    Violetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Violetta, benvenuta! Sì, San Francisco è bellissima. Oggi che c'è la nebbia un po' meno.

      Elimina
  6. Zakir-bai... che strano che tu l'abbia visto là, e io l'abbia tante volte ascoltato qui.
    Gli indiani dicono, showbiz (scioùbij).
    Lui è un grande, ma non sempre suona con gente altrettanto brava.
    Cala il crepuscolo qui, un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, infatti, scioùbij. Cioè, io capisco che si sia soli sulla vetta, però neanche abbassarsi così va bene. Sembrava meno bravo anche lui.

      Elimina
  7. Oh, tutte le volte che ti lascio un messaggio dal cellulare, poi non lo ritrovo mai! Mi sa che la versione mobile non funziona molto bene...

    Il palco ha dei colori bellissimi :)
    Mi spiace un sacco per la moglie di Hussain! Pensa che sudori freddi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dico spesso, blogger è una chiavica.
      Comunque tu sei proprio buona e gentile. Secondo me la moglie di Hussain non doveva proprio metterci piede, su quel palco!

      Elimina
  8. Sono invidiosa, ma proprio tanto!

    RispondiElimina