domenica 10 marzo 2013

Marina Abramovic e Ulay

Ormai è famosissimo, questo video.
Dopo una relazione sentimentale e artistica durata dodici anni, nel 1988 Marina Abramovic e Ulay crearono la loro ultima performance, The Lovers, nella quale partirono a piedi dai due estremi opposti della Muraglia Cinese (Ulay dal deserto del Gobi e Abramovic dal Mar Giallo) per incontrarsi a metà strada dopo novanta giorni e dirsi addio. Ciascuno aveva camminato per 2500 km.

Da allora, Ulay e Abramovic non hanno mai più lavorato insieme. 
Nel 2010, durante l'importante retrospettiva dedicata a Marina Abramovic dal MoMa  (che io ho avuto la fortuna di vedere), dal titolo the The Artist is Present, l'artista è rimasta seduta immobile su una sedia per sette ore ogni giorno, per tutta la durata della retrospettiva, cioè dal 14 marzo al 31 maggio, guardando negli occhi senza parlare chiunque volesse sedersi davanti a lei. E il primo giorno ha ricevuto una visita inaspettata.


44 commenti:

  1. quante cose si sono detti quegli occhi in pochi secondi!
    non avrei voluto essere la tizia che si è seduta lì subito dopo, mi sarei sentita una voyeur

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato la stessa cosa: non avrei mai osato sedermi lì dopo di lui.

      Elimina
  2. Ti avevo appena commentato ma mi è sparito tutto mentre stavo scrivendo. Se fosse un commento doppio cancellalo. Ti scrivevo che avevo pensato di commentare questo video nel mio blog, ma poi mi sono fermata. Non ce l'ho fatta.Mi è parso che con i miei commenti avrei violato quello che sento profondamente in questo incontro: il loro pudore. È vero che sono artisti abituati a mostrare di tutto usando i loro corpi come strumento, ma qui è come se loro stessi riscoprissero che c'è e ci deve essere una barriera tra il pubblico e le loro emozioni più profonde.Tutto viene comunicato tra loro ( e solo tra di loro) dagli sguardi e dal gesto appena accennato della mano di lei. Il video emoziona, ma mette anche a disagio.Ogni aggiunta sembra di troppo. Ma tu hai trovato la giusta misura per parlarne. Come sempre, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che lui abbia voluto in un certo senso suggellare e festeggiare con lei il grande riconoscimento di una retrospettiva al MoMa, e anche in qualche modo parteciparvi. In questo senso la sua presenza il giorno dell'inaugurazione rimane nel solco della loro lunga, benché interrotta, collaborazione. E quando lavoravano insieme quello che facevano era proprio mettere a nudo le loro emozioni, come hanno fatto qui, anche se in modo diverso. Per loro non esiste barriera fra l'arte e la vita, e la loro vita diventa arte nel modo più autentico che si possa immaginare.

      Elimina
  3. Che emozione!!! No, immagino che dopo di lui la performance ( di quel giorno) non abbia più avuto senso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà cosa succedeva nella testa (e nel cuore) di Marina, chissà cosa vedeva davanti a sé. Però credo che, con il suo rigore, quelle tre volte che chiude gli occhi prima di guardare la donna davanti a lei le abbia usate per cancellare tutto e concentrarsi sul presente.

      Elimina
  4. Mi sembra uno di quegli incontri che se non fosse stato pubblico, non sarebbe successo, ma una volta accaduto, mentre si stringevano le mani, ho pensato subito che avrebbe dovuto essere privato.

    Ma che gioco è questo di stare sette ore al giorno seduta lì?? Stava in silenzio per sua scelta o non si può parlare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D Guarda le altre sue performance, vedrai che questa non è affatto una delle più estreme (malgrado gli effetti dannosi che poteva avere sul suo fisico un'immobilità così prolungata).

      Elimina
  5. Immergersi in quegli occhi è come tuffarsi nell'universo. In quelle lacrime tutta la gioia e il dolore che solo le donne riescono ad esprimere insieme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si chiama arte; o meglio l'unica cosa che ci rende umani: l'astrazione

      Elimina
  6. ... è indiscutibilmente toccante.

    la distanza razionalmente imposta a certi sentimenti crolla come un castello di carta non appena si è gli uni dinanzi agli altri.

    non si sfugge.

    RispondiElimina
  7. non ho potuto vedere la performance dal vivo ma ho visto un bellissimo documentario su Marina Abramovic... interessantissimo, che donna intensa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anch'io vorrei vedere il documentario!

      Elimina
  8. Bellissima performance, commovente, toccante. Ma poi, si saranno rimessi insieme??? Un po' di sano gossip......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, non credo proprio! Però mi sono incuriosita al pensiero dei loro attuali (eventuali) compagni, e a come si vivranno il confronto con una storia passata così importante.

      Elimina
  9. Bellissimo.
    Non la conoscevo, lo confesso.
    In compenso non vedo l'ora di tornare al MoMa ad aprile, dopo tanti anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, non mi ci far pensare, che io devo aspettare fino all'autunno per tornare a NY.

      Elimina
  10. Queste emozioni forti di mattina presto no!

    RispondiElimina
  11. Che cosa stupenda hai postato, Silvia. Te ne sono profondamente grata. Non avevo ancora visto questo video.

    RispondiElimina
  12. Mi ricordo di averlo già visto tempo fa questo video, sempre grazie a te. Non sapevo però della Muraglia Cinese, che è davvero una cosa notevole. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo avevo già postato tempo fa e poi tolto rapidissimamente perché mi ero accorta che il sito del Corriere da cui lo avevo preso lo faceva precedere da una pubblicità vomitevole. Adesso finalmente si può vedere!

      Elimina
    2. Io ODIO il fatto che ormai ci siano SEMPRE più spesso pubblicità nei video. A parte questo, son contenta di essere sempre velocissima a vedere i tuoi post, allora. Mi era già piaciuto tanto allora :)

      Elimina
    3. basta usare adblock, è un'estensione del browser che elimina molti spot nei video e pubblicità laterali dalle pagine. Google works :D

      Elimina
  13. Meraviglioso post; grazie, Silvia!

    RispondiElimina
  14. Ho adorato la loro storia e le loro performance. Grazie per averli ricordati!

    RispondiElimina
  15. Ma se non sbaglio, dopo la separazione sulla muraglia, i due si erano visti o sentiti prima di questo evento. Non lavoravano più insieme e non si vedevano da tempo, ma non dalla muraglia. Il video è famoso, ha permesso alla Abramovic di farsi molta pubblicità raggiungendo chi non la conosceva già, puntando sul Carramba che sorpresa. Poi chissà se chi l'ha visto su corriere.it è andato a informarsi sulla performance o si è accontentato della curiosità di un'intensa storia d'amore concentrata in una didascalia e 3 minuti di video.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure è un gesto spontaneo che ha poi avuto come conseguenze quello che tu descrivi. Suvvia, godiamoci le cose belle della vita e le emozioni reali, che sono queste.

      Elimina
  16. Impegnativo come primo giorno!

    E raccontaci, la retrospettiva com'era?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sconvolgente. Conoscevo pochissimo il suo lavoro, e ritrovarmi davanti a tutte le sue opere in una sola volta è stato un bel colpo. Sono lavori molto forti, in cui lei usa il suo corpo in maniere spesso estreme, e devo dire che ha cominciato a piacermi solo dopo, ripensandoci. Al momento l'impatto è stato troppo forte.

      Elimina
  17. Non so come mai questo video stia girando da un paio di settimane tra i miei contatti su FB, anche tra persone completamente "sconnesse" tra loro.
    Interessanti i collegamenti della rete :)
    Il video è meraviglioso, per la mia sensibilità ne è lui il vero protagonista (per come la guarda, per come le chiede scusa per qualcosa, forse anche per essere là così all'improvviso...)

    Mi piace aggiungere che la performance sulla muraglia cinese era stata pensata dai due anni prima per coronare il loro sogno d'amore col matrimonio; invece, a causa delle lungaggini burocratiche del governo cinese, il permesso era giunto tempo dopo, quando ormai la coppia era in crisi, e allora quella camminata la fecero lo stesso, per dirsi simbolicamente addio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, non lo sapevo!
      E comunque sì, anche secondo me lui è meraviglioso.

      Elimina
  18. Una personalità molto forte e intensa. Non la conoscevo, Silvia. A parte questo video, bellissimo (ho voluto mostrarlo anche a mio marito e mio fratello a cui pure è piaciuto), ho cercato di informarmi riguardo al questa artista e ho letto e guardato altre cose. Come dici tu, alcune delle sue performance sono molto forti, ma è senzaltro una donna notevole e artista interessante. Grazie, Silvia. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che sia piaciuto anche a marito e fratello. Salutameli :-)

      Elimina
    2. Please, Silvia correggimi i refusi: "a questa artista" e "senz'altro". Ero fusa.

      Elimina
  19. che toccante, senza parole eppure così eloquente. Non conoscevo loro due, sono un pò disconnessa dal mondo artistico, ma mi andrò a cercare più informazioni. Lui mi sembra dire: così sono andate le cose, così è successo, ma ora sono qui davanti a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? In effetti sembra proprio che dica questo...

      Elimina
  20. Attenzione: anche questa è una performance. So che è bello illudersi e voler credere che questa è una grande storia d'amore che si incontra meravigliosamente. Però la visita di Ulay non era affatto inaspettata. Si erano incontrati già mesi prima e anche la mattina stessa di questo video. Come si vede, indossano anche abiti dai colori opposti. Poi è anche possibile che quel che vediamo sia tutto vero, dal punto di vista sentimentale. Però dopo questo giorno sono tornati ognuno per la sua strada...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che hai ragione. Marina Abramovic è scafatissima, figurati se non aveva organizzato tutto prima!

      Elimina
    2. ecco il comnmento che rovina l'opera. hai dovuto per forza mettere la cornice al quadro vero? goditelo così, io lo farò senza :D

      Elimina
  21. Sono un po' in ritardo per commentare… tipo di un anno!!! Ma ho scoperto adesso questo blog e insomma meglio tardi che mai! Se vuoi su youtube c'è il documentario completo, bellissimo lo consiglio a tutti. Da quello che ho capito io, Ulay era arrivato apposta a NY per la performance, lei sapeva che lui sarebbe andato ma non sapeva che avrebbe partecipato. Anch'io mi sono chiesta se fosse tutto architettato, in ogni caso però è stato veramente emozionante!!! Anche se la mia performance preferita in assoluto rimane The Lovers!

    RispondiElimina
  22. credere è la forza della volontà, dalla quale nascono le cose migliori (o peggiori). Chi ha difficoltà a credere deve sempre trovare un pennarello con cui tracciare i confiini.

    RispondiElimina
  23. quale titolo ha la traccia di sottofondo?

    RispondiElimina