venerdì 22 marzo 2013

La cascata sulla spiaggia e il viale dell'orizzonte



Poco più a sud della biblioteca di Henry Miller c'è l'ingresso di uno dei nove parchi statali del Big Sur, il Julia Pfeiffer Burns State Park. Da lì si accede con grande facilità a una breve ma imperdibile passeggiata, da dove si possono ammirare (cito da Wikipedia) "una delle poche cascate che si riversano direttamente nell'Oceano Pacifico, le rovine di una grande casa in pietra sulla scogliera che fu una delle prime abitazioni elettrificate della regione".



Tornando indietro verso nord, seguendo le indicazioni del ragazzo simpatico della libreria, troviamo l'inizio di un altro sentiero, che passando in mezzo alla foresta di sequoie arriva sulla cresta della collina che domina l'oceano. Il tempo si mantiene insolitamente limpido e ancora più insolitamente caldo. Dopo tre ore di camminata, roba che non cammino così tanto neanche in un anno, dobbiamo purtroppo ammettere che è ora di prendere la via del ritorno. Anzi, prima ci fermiamo a mangiare dalla ghiandaia, ma quella l'avete già vista. Poi, per consolarci della fine della microvacanza, decidiamo di tornare per un'altra strada pazzescamente bella che non abbiamo mai fatto: la California State Route 35, detta anche Skyline Boulevard. Un'altra zona solitamente immersa nella nebbia, mi dicono, che noi invece percorriamo immersi nella morbida luce di un crepuscolo rosato, tra foreste e colline sospese sopra l'orizzonte. Pochissime case, belle, di legno, seminascoste dalle sequoie. Alla mia domanda: "Secondo te costeranno tanto queste case?", Mr. K risponde: "Praticamente mi stai chiedendo: quanto costeranno le case in un posto meraviglioso e incontaminato a mezz'ora di macchina da Silicon Valley e da Stanford?"
Maledizione, i fantastiliardari hanno colpito ancora.


37 commenti:

  1. Deve essere un posto davvero molto bello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un paradiso. E la cosa più bella è che hanno saputo conservarlo.

      Elimina
  2. mi ripeto, ma che posti stupendi!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, la California è proprio un posto meraviglioso.

      Elimina
  3. Dovreste fare più spesso queste gite, mi sto accorgendo che l'Ammerika è proprio immensa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, allora le faremo più spesso, così posso fare altri post ;-)

      Elimina
  4. Quando tu fai di questi post, a me sale l'ammirazione condita da un pò di invidia per te! :) Bellissime foto e un esplorare davvero bello! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, dai, macché invidia... i fantastiliardari sì che sono da invidiare, mannaggia a loro! :-D

      Elimina
  5. Non che i fantastiliardari mi siano mai stati simpatici. Così, eh, per partito preso. Per empatia nei tuoi confronti ora comincio proprio a detestarli!

    RispondiElimina
  6. PS: Ti ho assegnato un premio, non è assolutamente obbligatorio farci un post sopra (se vuoi non pubblicare neppure questo commento), ma se hai voglia di rispondere a qualche domanda passa dal mio blog. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, oggi sono di corsa, ma appena ho tempo passo! (A salutarti, più che altro, perché i premi di solito li svicolo.)

      Elimina
  7. Avranno pure casa in un posto bellissimo, però il tempo è sempre brutto, è umido, c'è la nebbia e le commesse che lavorano là sono antipatiche: poveri fantastiliardari!

    RispondiElimina
  8. Del Big Sur ho sempre sentito parlare come una regione eccezionale e le tue foto non mentono!
    E a proposito di cascate che piombano direttamente nell'Oceano, sei mai stata alle Alamere Falls al parco nazionale di Point Reyes? La passeggiata è stupenda e le cascate sono meravigliose! Ci sono stata qualche anno fa quando ero qui in vacanza e lo ricordo come uno degli angoli più affascinanti della California.
    https://www.google.com/search?q=alamere+falls&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla:it:official&client=firefox-a

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, ma questa è una dritta fantastica! Quella zona mi piace un sacco, Point Reyes e soprattutto Bolinas. Ecco la meta della prossima gita, grazie Sabina!

      Elimina
    2. A Bolinas non ci sono ancora stata! Ecco che hai ricambiato la dritta! ;)

      Elimina
  9. Non so se, in questa vita, riuscirò a visitare il Big Sur. Ci sono comunque con le tue foto e il tuo imperdibile reportage. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, è un complimento bellissimo! :-)

      Elimina
  10. Ma che posti! I tramonti, le rocce a picco sull'Oceano, i sentieri, le casette/cabine..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono tutte cabine... sigh

      Elimina
    2. E cosa sono? cosa mi son persa del tuo racconto?

      Elimina
    3. Ci sono anche le superville.

      Elimina
  11. mai che i miliardari se ne lascino scappare uno! :(

    RispondiElimina
  12. Tanta bellezza...
    La cosa più fastidiosa è che di questi fantastiliardari californiani non si può neanche dire che siano kitsch e senza gusto e consolarsi col fatto che "tanto i fantastiliardi li usano male".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ci sono anche quelli di cattivo gusto. il notoriamente antipaticissimo fondatore di Oracle, per esempio, colleziona case grandi come portaerei, e non si può dire che la prima, quella finto-giapponese, sia proprio di buon gusto. Quella su lake Tahoe è anche tremenda, ma devo dire che quella più sotto, della famiglia Astor, in realtà non è malaccio...



      Elimina
  13. che meraviglia quella luce morbida, mi e' sembrato di sentirla sulla pelle!

    RispondiElimina
  14. Che spettacolo meraviglioso.

    RispondiElimina
  15. Che invidia... a Boston abbiamo ancora la neve!

    RispondiElimina
  16. Belli i tuoi reportage, Silvia. Pratici, anche, con l'aggiunta delle cartine geografiche e delle dritte sui sentieri e le strade più belle. Grazie! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rose, in effetti il mio sogno è sempre stato quello di fare la reporter per il National Geographic...

      Elimina
  17. Ho letto Big Sur un anno fa... Nella mia immaginazione era tutto più oscuro...La luce a volte è impietosa con l'immaginazione. :))

    http://giacynta.blogspot.it/2012/04/big-sur_22.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', come dicevo altrove, noi siamo stati fortunatissimi. Non solo abbiamo trovato il sole invece della solita nebbia, ma abbiamo anche trovato u insolitissimo caldo, che quando lo raccontiamo non ci crede nessuno.

      Elimina