venerdì 19 luglio 2013

La nebbia di San Francisco: un video

Lo so che ormai vi ho fatto una testa così con la nebbia di San Francisco, ma questo video riesce quasi a renderla bella. 
Come recita il sito di Internazionale, "Questo cortometraggio del fotografo di Oakland Simon Christen, intitolato Adrift, è stato girato nella baia di San Francisco con la tecnica del time-lapse. Il suo autore lo definisce 'Una lettera d’amore alla nebbia della città' [l'amore è cieco].

'Per circa due anni, ogni volta che il tempo sembrava promettente, mi sono svegliato alle 5, ho fatto 45 minuti di auto verso i promontori di Marin e ho puntato il mio obiettivo verso il Golden Gate Bridge', racconta Simon Christen [contento lui]."
[Grazie a entropia quotidiana per la segnalazione]

29 commenti:

  1. È bellissimo! Ovviamente per essere goduto bisogna guardarlo da una certa prospettiva come ha fatto lui: dall'alto, anche perché alla fine quando viene inghiottito dalla nebbia è quasi inquietante.. Ma in fondo è proprio questo che lo rende romantico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Romantico una cippa. Vero, certo, che per goderlo devi guardarlo dall'alto, ché dal basso è un vero schifo.

      Elimina
    2. "Romantico" nel senso letterale del termine: la Potenza spiazzante della natura ;-)
      Dai, comunque 'sto video è una figata!

      Elimina
  2. Tutte le mattine sveglia alle 5 per guidare per 45 minuti? Nun c'a poss fa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo tizio ha chiaramente dei problemi.

      Elimina
  3. Aiuto, sembra uno tsunami di nebbia.. inesorabile..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, immagina che durante una rara giornata di sole (sempre fredda, per carità, però almeno con il sole) stai facendo una passeggiata, e d'un tratto senti l'orrendo suono delle sirene della nebbia, ti giri e vedi questo mostro degli abissi che avanza inesorabile dalla parte del ponte, inghiottendo tutto lungo il suo cammino, e poi vedi questi straccetti di nuvole che corrono velocissimi nel cielo, e diventano sempre più densi, e il sole è sempre più coperto, e tu corri, corri a cercare riparo, perché sai che la tua tenuta maglietta-cardigan-giubbotto (stiamo parlando di luglio) non sarà sufficiente a impedirti il congelamento, e continui a correre ma il mostro corre più veloce di te, e alla fine ti ritrovi ad aspettare l'autobus bestemmiando rintanata in un androne per proteggerti invano dal vento glaciale.

      Elimina
    2. Adesso aggiungo anche inquietante.. perché inghiotte.. ed è ghiacciata!! Per niente romantico, io ho paura.

      Elimina
  4. Meravigliosa!! Vista dall'alto. E che sarà mai alzarsi alle 5 guidare 45 minuti e dopo due anni avere 4 minuti di questo spettacolo! (Ho imparato ad amare i -20 invernali berlinesi ma con il nebbione, per di più estivo, è dura... coraggio!)

    RispondiElimina
  5. È come se tu sapessi cosa si prova ad essere dei pesci, quello è un fiume vero e proprio.

    Lo devo far vedere al mio ragazzo, che sostiene che qui ci sia nebbia :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io so cosa si prova a essersi rotti le balle del cielo grigio.

      Elimina
  6. All'inizio sembra un'onda gigantesca! E' stupendo, per quanto la nebbia non sia il massimo (specialmente per chi ci convive tutto l'anno). Comunque San Francisco è una delle città più affascinanti del mondo, spero di visitarla un giorno e poter confermare questa mia idea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, per venirci in vacanza è perfetta!

      Elimina
  7. Non volermene, ma una nebbia così è romantica e struggente. Mi piace, mi piace. Avrà pure i suoi lati negativi ma è bellissima! E il video è una figata!

    RispondiElimina
  8. quindi nn sono stata sfigata io che arrivata a san francisco il diciotto agosto morivo di freddo, di corsa a comprare una felpa, un nebbione che il ponte l ho visto nelle cartoline e ad ogni passeggiata vicino al porto sono congelata viva?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei per niente sfigata. La vendita di felpe ai turisti estivi è la principale fonte di proventi della città.

      Elimina
  9. Ma, sarà pure bello il video, ma a me quella nebbia fa l'effetto di un "blob", di qualcosa di alieno e gigantesco che ingoi tutto.
    Se proprio devo, preferisco la nebbia invernale della bassa ferrarese, dove comunque qualcosa si intravedere sempre. E poi è inverno e sai che, da qualche parte, puoi sempre trovare il conforto di un piatto caldo di cappellacci di zucca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, tu mi capisci davvero, Grazia. La nebbia ferrarese è un sogno, la mia città paterna che non rivedo da troppo tempo. Le biciclette e quell'aria senza tempo. E se provassimo a organizzare un incontro a Ferrara in autunno?

      Elimina
    2. Dai, incontriamoci a Ferrara! Io sarò in Italia tutto il mese di ottobre e poi da dall'inizio di dicembre alla fine di gennaio. Un giro in bici sulle mura, un passaggio da Schifanoia e un piatto di cappellacci ( o di salama da sugo) non ce li toglie nessuno.

      Elimina
    3. Affare fatto! Io arrivo in Italia il 18 ottobre e mi fermo fino a dopo Natale, quindi dovremmo proprio farcela. Evviva!

      Elimina
  10. magari se qualcuno facesse un video così delle nebbie patavine cambierei prospettive alla mia esistenza

    RispondiElimina
  11. Su D di sabato (che purtroppo non ho conservato, ma Freud potrebbe spiegarne il motivo) ho letto un articolo su SF che descriveva la città come il migliore dei mondi possibili. Ti ho pensato e ho avuto l'ennesima conferma della mendacità di quasi tutti gli articoli cosiddetti turistici. Nemmeno una parola sulla nebbia, naturalmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Argh! E fosse solo la nebbia! Io vorrei proprio scrivere un libro su San Francisco per sfatare finalmente un po' di queste balle. Ovviamente adesso che c'è l'America's Cup fa ancora più fico dire che è una città paradisiaca. Forse se sei pieno di soldi lo è davvero.

      Elimina
  12. suggestiva è dir poco!!! ;)

    RispondiElimina