venerdì 3 febbraio 2017

Distopia/14

- Una buona notizia. Un giudice federale di Seattle, James Robart, nominato da George W. Bush, ha temporaneamente bloccato il Muslim Ban su tutto il territorio nazionale, in base a una causa partita dallo stato di Washington a cui poi si è aggiunto il Minnesota. La Casa Bianca è furibonda, definisce "scandalosa" la decisione e poi ritira l'aggettivo, e annuncia un ricorso. Nel frattempo, però, il Department of Homeland Security obbedisce all'ordine del giudice e sospende l'ordine presidenziale. Fino a questo momento, i visti revocati sono più di 100.000. In alcuni casi è stato denunciato che gli agenti dell'Immigrazione hanno costretto i viaggiatori a firmare un documento - di cui ignoravano il contenuto - con il quale rinunciavano al proprio visto.
La reazione di Trump: con una serie di tweet avvisa che la sospensione dell'ordine porterà "morte e distruzione", e definisce "ridicola" la decisione del "cosiddetto giudice" che l'ha sospeso. Significativa la risposta, sempre su twitter, del deputato democratico Adam Schiff.
Aggiornamento: il Dipartimento di Giustizia ha presentato un ricorso contro la sentenza del giudice Robart.

- Brutte notizie per Obamacare: le iscrizioni sono calate. Probabilmente perché i repubblicani, appena arrivati al potere avevano sospeso tutte le pubblicità per l'iscrizione, e molti pensavano che il programma non esistesse più. Ora i repubblicani faranno meno fatica a sostenere che va smantellato. 

- Ricordate la storia di ieri, sulla panzana raccontata da Kellyanne Conway (c'è già anche una voce su Wikipedia)? Ora c'è un sito satirico, The Bowling Green Massacre Victims Fund, che vi porta direttamente al sito dell'ACLU.

- Forse i sondaggi non rappresentano accuratamente la popolarità di Trump, proprio come era successo durante la campagna elettorale. Secondo Politico.com, quando si tratta di sodaggi automatici in cui non bisogna rispondere a un intervistatore in carne e ossa, i numeri aumentano drammaticamente. Secondo Rasmussen, l'approvazione sarebbe addirittura al 54%.

- In un'intervista andata in onda su Fox News prima del Superbowl, Trump risponde all'affermazione dell'intervistatore "Ma Putin è un assassino" dicendo "Ci sono molti assassini. Cosa credi, che il nostro paese sia così innocente?" Molti membri del partito Repubblicano non sono affatto contenti di questa affermazione.

- Una fantastica infografica interattiva per visualizzare il giro d'affari di Trump.

- Cresce la tensione con l'Iran, che dichiara che userà i missili in caso di minacce alle sua sicurezza.

  

18 commenti:

  1. Due settimane e pare una vita e non è che l'inizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è la sensazione che hanno un po' tutti: due settimane che sembrano due anni. Un tempo condensato. Arriveremo alla fine invecchiatissimi.

      Elimina
  2. Grazie per questa rubrica, è davvero utilissima :*

    RispondiElimina
  3. Assurdo che si porti avanti una storia su un fatto mai avvenuto...

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Significativa la foto di copertina di Der Spiegel (anche se hanno fatto troppo bello lui).

    RispondiElimina
  5. "Cosiddetto giudice" con le parole si costruiscono le dittature

    RispondiElimina
  6. L'infografica fa paura :O (sì ok, non solo quella...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però è fatta benissimo, aiuta a capire molte cose.

      Elimina
  7. Screditamento del sistema giudiziario, tv di proprietà che trasmettono o non trasmettono quello che vuole o non vuole, affari in ogni dove (quella mappa fa paura!), ricorda qualcuno di già visto. Il problema è che la portata dei danni che può fare e sta facendo Trump è amplificata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà le Tv non sono sue, e a parte Fox News sono tutte generalmente obiettive su di lui. Comunque sì, in confronto il nostro era un dilettante. Questo però non durerà vent'anni.

      Elimina
  8. La copertina è tanto cruda quanto efficace...
    Intanto il soffio di qualche buona notizia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la buona notizia è smempre che la resistenza continua.

      Elimina