mercoledì 14 marzo 2012

I Wish This Was...

New Orleans
Candy Chang è un'artista e designer che nel novembre 2010, a New Orleans, ha dato inizio al progetto I Wish This Was. A New Orleans, la città di Candy, ci sono molti negozi vuoti, e anche molte persone che hanno bisogno di servizi. E così, con una combinazione di street art e pianificazione urbana, Candy ha creato degli adesivi con la scritta, appunto, "I Wish This Was" (sul sito si trova anche un disclaimer per i pedanti che hanno protestato per l'uso di "was" al posto di "were". Così scrive Candy: "I’ve received a few comments from people who are telling me that 'I wish this was' should be 'I wish this were' because this would be the proper use of the subjunctive mood. I hear you, and the last thing I want is to be an enemy of proper grammar. Long discussions on the topic suggest that both usages are acceptable. This project is about striking up a casual conversation in the city, and most people, including smart ones, say 'I wish this was' in daily conversation. And it just sounds right in this context. I hope you understand! Don’t hurt me!").

Con il sostegno di Ethnographic Terminalia, Candy ha disposto scatole di adesivi gratuiti in giro per la città, e ne ha attaccati altri sulle vetrine dei negozi vuoti per invitare i passanti a scrivere i loro pensieri (gli adesivi possono venire facilmente rimossi senza danno). Le risposte andavano dal funzionale al poetico: un mercato agricolo a prezzi accessibili, un ristorante cinese, un posto per sedersi e parlare, la casa di Brad Pitt, una scuola di danza, il paradiso.
Il progetto si è esteso alle città di tutto il mondo. Gli adesivi si possono comprare sul sito e sono disponibili in diverse lingue.

Ecco qualche assaggio.

New Orleans



Downtown Raleigh
New Orleans





San Francisco, Mission District

16 commenti:

  1. Bellissimo! Adoro questo tipo di iniziative.
    Anche qui si muove qualcosa, ne parlerò presto.

    ps il primo bacio mancato a Mission è il mio favorito :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, quando ho visto che c'era anche una foto così romantica a SF non ho saputo resistere.
      Guarda che belle le foto di Lisbona postate da Antonella qui sotto: magari c'è qualche posto che ancora non conosci...

      Elimina
    2. si', le ho viste: ha fotografato uno dei miei posti preferiti :)

      Elimina
  2. Quando sono stata a Lisbona ho fotografato i suoi assistenti mentre installavano l'altro suo progetto "Before I die". Se ti va di vedere la foto, la trovi qui: http://www.antorra.com/urban-lisbon/
    Quando poi mi sono allontanata ho rimpianto il fatto di non essermi avvicinata per chiedere se una di loro fosse Candy!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonella, che meravglia, grazie (ti ho aggiunta al blogroll, così mi ricordo di guardare con più regolarità le tue belle foto).

      Elimina
  3. Ah! Ma sai che non ne ho mai visti in giro? O forse non ho mai prestato attenzione... bisogna che aguzzi la vista perchè mi piace un sacco come iniziativa. Avessi trovato li adesivi mi sarei sbizzarrita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che strano! Pensavo che mi avresti scritto "ah, sì, ne ho visti a centinaia, non ne posso più di quei cosi appiccicati dappertutto!" Ma probabilmente perché il progetto risale a un paio d'anni fa.

      Elimina
    2. Hai ragione, magari quando magari si sono persi nei meandri della memoria, domani chiedo a Bride to be che lei ste cose le sa tutte

      Elimina
  4. Bellissimo! E fingero' di non aver letto spiegazioni che possano peggiorare il mio apprendimento della grammatica. :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbasso me che devo 'capire' e non mi adeguo e basta X@

      Elimina
  5. Risposte
    1. Sì, è un'idea bellissima soprattutto perché è molto semplice.

      Elimina
  6. Molto bello. Chissà noi, nel senso di italiani, che ci faremo...

    RispondiElimina
  7. I wish this was...my idea (would have been, per essere grammaticalmente corretti!!!) Bellissimo progetto!

    RispondiElimina
  8. Molto interessante e divertente, é il 2.0 applicato nel mondo reale.

    RispondiElimina