domenica 1 aprile 2012

"Per le tinozze di Giove Pluvio!" Se n'è andato Rodolfo Cimino

Da piccola imparai a leggere sulle storie di Paperino e zio Paperone. Mio padre, stanco di leggermele tutti i giorni, mi insegnò l'alfabeto e mi disse: "Adesso leggile da sola". Ancora oggi possiedo una collezione completa di circa dieci annate, dal '75 in poi, che conservo gelosamente.

Lo sceneggiatore di molte di quelle storie, scritte in uno stile che, secondo Wikipedia, assume "un livello piuttosto letterario, ovviamente ironico, con molti modi di dire (es.: il 'mendace turrito'), che può fare ricordare i dialoghi di Vittorio Gassman in Brancaleone", era Rodolfo Cimino. A lui dobbiamo i tapironti crepuscolari, i condizionatori decumbalionici, i pecoroidi anatolici, e anche esclamazioni come "Me misero, me tapino!", "Per tutti i tamburi!" e "Per la cetra di Nerone!", nonché le macchine meravigliose con cui zio Paperone partiva per le sue fantastiche avventure.

Come quella che vedete qui sotto, nelle pagine tratte dal sito di Luciano Gatto, uno dei disegnatori che lavorarono con Cimino.





20 commenti:

  1. Sigh! Sob!
    Quanti fumetti divorati...
    Ciao Cimino!

    ps collezione completa? grande! a casa mia giravano quintali di fumetti, li leggeva anche mia madre, ma non ho mai avuto la costanza e la lungimiranza di preservarli. Me misera! Me tapina! Me derelitta! (Lo dicevo, lo dico e lo dirò sempre).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la collezione di Topolini è uno dei miei beni più preziosi!
      Erano proprio geniali (questa concedimela), secondo me la versione italiana era molto meglio dell'originale!

      Elimina
    2. Concordo, concordo!
      Io con una moglie giapponese ho cercato più volte di convincerla della cosa ma ogni volta mi guarda incredula.
      W i vecchi Topolino italiani.
      Irraggiungibili

      Elimina
  2. :-O anche te fan delle storie di Paperino? Io le storie dal '85 fino al 2000 credo di averle lette tutte visto che piacevano a mio Zio ed aveva una bella collezione, poi mi compravo apposta Paperino in cui mettono le storie vecchie.
    Quelle di adesso non mi piacciono per niente :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho smesso intorno all'85 per raggiunti limiti d'età, ma poco dopo ci fu il passaggio dalla Mondadori alla Disney che segnò un drammatico calo di qualità.

      Elimina
  3. Noooo! Me misero me tapino era la mia preferita! Grazie per questa rivelazione Silvia. Chissa' se e' lo stesso che una volta fece cantare a Paperino "Signorinella pallida con quella faccia squallida.." :D rido ancora :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fatto una piccola ricerca: la storia era "Paperino e il fischiofono" (gran titolo), sceneggiata da Alberto Becattini.
      Adesso ci manca solo che mi interessi alla paperinologia! :-)

      Elimina
  4. Gulp! Se n'è andato Cimino?! Me misera, me tapina!!!

    RispondiElimina
  5. Noi miseri, noi tapini!:((

    RispondiElimina
  6. Dopo aver letto la notizia sul tuo blog, ho cercato un po' su internet. Ho realizzato che alcune delle più belle ed immaginifiche storie di Paperi lette nella mia infanzia le aveva scritte proprio lui. Mi è dispiaciuto molto. :(
    Altre copertine le puoi trovare qui: http://fumettologicamente.wordpress.com/2012/04/01/titolo-e-frontespizio-per-rodolfo-cimino/

    RispondiElimina
  7. Anch'io ho scoperto solo dopo la sua scomparsa che era lui l'autore delle storie più belle con cui sono cresciuta, e che hanno lasciato un segno profondo in tantissime persone. Quella lingua indimenticabile ce la ricordiamo tutti: guarda solo quanti "me misero, me tapino"!

    RispondiElimina
  8. Deliziose immagini e parole. Invidio sempre quelli che hanno avuto la possibilità di leggere, di sfogliare fumetti da bambini. L'etica culturale socialista li proibiva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tutti, anche quelli "locali"? Ho un'amica lettone, per esempio, che è cresciuta con il bellissimo Ёжик в тумане (Il riccio nella nebbia).

      Elimina
  9. Ti ricordi come traducevano in italiano l'esclamazione "Great Scott!" di Doc di Ritorno al Futuro? Per Giove o Per tutti gli dei? Non lo vedo su wiki

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovato! Dalla voce "Ritorno al futuro", sotto "Edizione italiana": "Doc esclama spesso «Great Scott!», adattato come «Bontà Divina!» in questo capitolo, e «Grande Giove!» nel secondo e nel terzo capitolo."

      Elimina
    2. E c'e' stato bisogno di andare a spulciare? BTTF si deve sapere a menadito! Vabbé, pardon, e' che io sono fan della trilogia. E preferisco "Grande Giove", comunque :)

      Elimina
    3. Ah, ma allora oggi è la giornata delle gaffe (ne ho appena fatta una su un'altro commento)! Purtroppo (e so che non mi perdonerai mai questa mancanza), credo di aver visto BTTF solo una volta, di sfuggita, il primo episodio, non per cattiva volontà (*si cosparge il capo di cenere*), ma sai, per quei casi della vita... insomma, questa è un settore di fandom sul quale non sono per niente ferrata.
      Però in compenso stasera abbiamo finalmente la serata fantozziana (*aggiunge fantozzianamente sperando nel perdono*)!

      Elimina
    4. Silvia crocifissa in sala mensa! :D
      Ti assolvo dal peccato, ma solo a patto che riporti qualcosa della serata fantozziana!

      Elimina
    5. Mah, io ho un brutto presentimento... secondo me i due americani si annoieranno e i due italiani si sentiranno in colpa. Spero almeno che ci sia la frittata!

      Elimina