martedì 15 ottobre 2013

Il giardino dei cactus di Phoenix

L'ultimo tratto del lungo viaggio da Santa Fe a Phoenix ci offre ancora qualche roccione rosso e alcune sorprese



A Phoenix - dove finalmente riconsegnamo la macchina - abbiamo mezza giornata, e decidiamo di passarla al Desert Botanical Garden. Scelta azzeccatissima. Il giardino, grande e ben tenuto, contiene un'enorme quantità di piante grasse di ogni tipo, fra cui naturalmente i magnifici saguari, e anche un padiglione delle farfalle monarca (la foto è mia!).



Il giardino botanico è aperto fino alle 8, e al tramonto si sentono cantare molti uccelli e si vedono i colini di Gambel (un tipo di quaglia, parente stretto del colino della California, l'uccello "statale" della California) che attraversano i sentieri. Ho giocato a nascondino con i colini per riuscire a fotografarli, ma non sono riuscita a ottenere altro che qualche macchia sfocata. Però siccome li adoro, con quella loro aria da signora grassoccia col cappellino, ve li faccio vedere lo stesso. Quello sotto invece l'ho fotografato io. Non l'ho riconosciuto, però cantava meravigliosamente.



Il mattino dopo voliamo a Las Vegas, per andare a trovare i nostri amici di cui avevo già parlato qui. E il mattino dopo ancora, si riparte per San Francisco. La luna di miele è finita, ma il mio viaggio no. Ho ancora tre giorni a New York, ospite dei miei suoceri, prima di tornare a casa (per un totale di tre aerei in tre giorni, quattro in una settimana. Pessimo periodo per la mia impronta di carbonio).

Las Vegas o New York?

15 commenti:

  1. che meraviglia il colino col cappellino :)

    RispondiElimina
  2. Quei... dinosauri (?) per un attimo mi sono sembrati spaventapasseri deformati. Goditi New York e i suoceri, buon ritorno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice, se passiamo da Torino ti avviso!

      Elimina
  3. Bello! Io adoro le piante grasse, mi ci sarei persa!

    RispondiElimina
  4. Belle anche le ultime tappe tra Las Vegas e New York.
    Spero che poi la meta sia Ferrara: io ti aspetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dobbiamo ancora organizzare la gita autunnale: ti faccio sapere al più presto!

      Elimina
  5. NOOOUUUUUUUUU!!! il giardino delle piante grasse... i saguari..... enormi..... il mio non è nemmeno un metro ancora!!! NOOOOUUUUUUUUUUUUUUU!!!!
    BACI
    Grossi baci
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come, hai un saguaro? Ma crescono solo nel deserto, come fai? Sei una maga anche delle piante, oltre che della cucina?

      Elimina
  6. Bello il saguaro!
    Dai quando venite vi porto a vedere il padiglione di tutte le farfalline immaginabili :)

    RispondiElimina
  7. Bella la foto della farfalla! Sono passata anch'io da un padiglione di farfalle a Stoccolma, ma quasi tutte le foto mi sono venute mosse... E le farfalle erano perlopiù immobili :-(
    Il colino, con quella sua piumetta in testa, è molto anni Trenta, davvero chic!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come, mosse? Povere farfalle di Stocccolma, se scappano dalla prigione si surgelano!

      Elimina
  8. Non vedo l'ora di vedere le foto di Las Vegas!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci siamo stati solo per poche ore, che io ho passato tutte alla spa! Però se vuoi puoi rivedere quelle vecchie qui.

      Elimina