domenica 6 ottobre 2013

Il Colorado Trail e la jam session delle cowgirls

 

Il Colorado Trail è un sentiero che parte da Durango e si snoda in mezzo alle foreste per 782 km fino a Denver. Noi lo abbiamo percorso per circa tre ore e mezza (con soste ogni 5-10 minuti), ma la prossima volta giuro che lo farò tutto. Ci vogliono solo trenta giorni, giorno più giorno meno. 








La sera, allo Strater Hotel, assistiamo a una jam session di alcuni dei migliori musicisti del festival: due ragazze texane di 18 e 16 anni, Kristyn Harris e Mustang Mikki Daniel (!), più la Sawyer Family Band, mamma, papà, Leah (cantante-violinista) di 12 anni e David (violinista) di 10 anni. Questi quattro suonano instancabili per più di tre ore, accompagnati da un contrabbassista e a tratti da un formidabile armonicista, Gary Allegretto (!). Tutti naturalmente in perfetta tenuta western.





















Il giorno dopo compriamo un sacco di mele alla fiera di Durango e poi partiamo, destinazione Taos, New Mexico. Ciao Durango, ci sei molto piaciuta.






18 commenti:

  1. Un viaggio da fare quando sarò in pensione: l'età giusta per inbucarmi tra gli spettatori del festival e per avere qualche mese di tempo per percorrere il Colorado trail:-)

    RispondiElimina
  2. Non so bene perche' ma ultimamente sto guardando un sacco di vecchi western. Le tue fote me le gusto ancora di piu'... (anche se con la solita latente invidia)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi siamo appassionati di vecchi western (uno dei miei preferiti è Johnny Guitar). Però proprio tu che mi invidi no, eh? :-D

      Elimina
  3. Oh ma che cielo!
    Ehi, ma lo sai che mi piace tanto di piú questo viaggio che quello che non avete fatto nei parchi nazionali?
    Ora non so se tu condividerai...ma questo è molto piú insolito e da raccontare, non trovi?
    Piscine zozze comprese :)

    RispondiElimina
  4. Che voci, le due ragazzine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, soprattutto quella coi boccoli. E dovresti sentirla fare lo yodel!

      Elimina
  5. ho appena finito d leggere butcher's crossing di John Williams direi che questo post cade a fagiolo :)

    RispondiElimina
  6. Nooo, fantastiche le cowgirl, giovanissime e convintissime, una gioia!! E anche l'intera famigliola strimpellante è davvero un bel vedere! Credo sarebbe piaciuta anche a me Durango ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, straconvinte! Faranno strada di sicuro!

      Elimina
  7. questa America non ha niente a che fare con l'aria che si respira nelle metropoli.
    Sicuramente più genuina, anche se poco aperta verso gli estranei. Bisognerebbe
    approfondire la conoscenza......

    ma che ci facevano su quelle mele ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che i bambini volessero rotolarcisi dentro. Come biasimarli?

      Elimina
  8. Stupende immagini ... 30 giorni? Magari in bici ci si mette qualcosa meno. Vengo anch'io con la mia montain bike :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, era pieno di mountain bikers! E a Durango ci sono tipo due negozi di mountain bike per abitante, e alcune hanno le gomme grosse come quelle di un tir.

      Elimina
  9. Cartello messo per tenere lontano Mr Keats dale mele, che senno avrebbe iniziato a filosofeggiarci e a farci delle robe arty

    RispondiElimina
  10. Sto canticchiando De Andrè: una facile associazione di idee con "Avventura a Durango". Grazie per queste cronache!

    RispondiElimina
  11. Mi sto salvando tutto dei tuoi itinerari....

    RispondiElimina