lunedì 7 ottobre 2013

Taos: Dennis Hopper e un cappello da cowboy

La strada da Durango a Taos, New Mexico, è lunga ma bellissima. Montagne e ranch, il che significa enormi distese di terra abitata solo da sporadiche vacche e cavalli. Guidiamo per quattro ore circondati da diverse varianti di questo paesaggio


Taos è un paesino di circa 5000 abitanti che sorge nel territorio degli indiani Pueblo. Nel corso del Ventesimo secolo è stato frequentato e abitato da artisti, inizialmente attirati dalla mitica Mabel Dodge Luhan, una ricca benefattrice che venne a vivere qui, sposò l'indiano Tony Luhan (nel 1923!) e costruì una casa favolosa dove ospitò un sacco di artisti, fra cui D. H. Lawrence, Ansel Adams, Willa Cather e Georgia O'Keeffe. 
Il padrone del negozio dove compriamo il cappello è un curatore di mostre che si è trasferito a Taos da San Francisco molti anni fa, e ci racconta che Dennis Hopper comprò la casa di Mabel subito dopo aver girato Easy Rider, e la tenne fino al 1978. E faceva delle feste grandiose, aggiunge. Non ne dubito.
Oggi la Mabel Dodge Luhan House è un meraviglioso B&B neanche troppo caro, che si può visitare tranquillamente per ammirare lo squisito arredamento, i ritratti di Mabel e Tony e le foto del grande Dennis Hopper.
E sì, per chi se lo stesse chiedendo, Mr. K ha comprato un cappello.
Domani ancora Taos!



25 commenti:

  1. il cappello ti dona e probabilmente anche a Mr K ma l'hai preso troppo da lontano :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cappello mi dona perché nasconde la faccia :-D
      E di Mr K mi piaceva l'ombra.

      Elimina
    2. non era quello che intendevo, se mi mettessi io un mausoleo del genere in testa sembrerei un fungo né più né meno, invece a te dona l'aria giusta da cauboa :D

      amanda

      Elimina
  2. Il cappello non poteva mancare...

    Buona giornata! Baci

    RispondiElimina
  3. È bellissima la tua foto ! Credo che da quelle parti il cappello sia parte integrante della persona, indispensabile anche per starci solo qualche giorno.......:)
    Molto interessante la storia di Mrs Mabel...e il viaggio continua!

    RispondiElimina
  4. Siete bellissimi, con il cappello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, io ero convinta di essere vestita come Louise ma poi ho controllato e lei aveva la canottiera, non una maglietta con le maniche lunghe.

      Elimina
  5. Donna stupenda sei, Mrs K!! StupendERRIMA, direi!! Fortunato Mr K!

    RispondiElimina
  6. Ombre da pistolero!
    E sì, state benissimo incappellati!
    Incappellatevi anche a SF, please!
    A proposito, ho (ri)visto Easy Rider la scorsa domenica, ed è sempre meraviglioso! Si dice che Hopper avesse scritto parti dello script proprio alla Mabel. Comunque si vedeva che era parecchio ispirato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'ombra è una citazione ;-)
      Easy Rider, un mito. E la colonna sonora! E Jack Nicholson bellissimo!

      Elimina
    2. Eh sì...molto amaro comunque, la messa in scena della fine del sogno americano in pieno sogno americano.
      (E pure Peter Fonda non è che facesse schifo :))

      Elimina
  7. Meno male, avevo paura non lo avreste più comprato. Invece guardalo lì, è carinissimo!

    RispondiElimina
  8. Siete fantastici in perfetto stile cowboy!!!

    RispondiElimina
  9. Finalmente! Qui ti aspettavo!:-) D'ora in poi, mai più senza cappello...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, per carità! Mi devasta i capelli già straziati dalla prolungata lontananza dal mio parrucchiere italiano!

      Elimina
  10. Mr K deve assolutamente tenere i jeans e il cappello per il resto dei suoi giorni! :-D

    MI e' tornato in mente che la seconda volta che ho guidato da Denver a Santa Fe ho fatto delle riprese a quei paesaggi stupendi...un giorno ci dovro' fare qualcosa! :)

    Buon proseguimento, Silvia!

    RispondiElimina
  11. Ma dai ti sta davvero bene! Fa molto Indiana Jones... o Louise, ma la prossima volta mettiti in canottiera bianca così ti cali veramente nel personaggio ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero solo di non saltare giù da un burrone! Fra l'altro ho scoperto che T&L non saltano mica dal Grand Canyon, bensì dal Dead Horse Point State Park. E la scena girata a Monument Valley? Quello era l'Arches National Park! Ecco qui.

      Elimina
  12. secondo me se vai ad insegnare italiano così gli studenti apprezzeranno :)

    RispondiElimina
  13. Mitica con il cappello, sembra veramente dentro un cult-movie alla Dennis Hopper. Difficile dire quale, visto dalla varietà di generi che ha frequentato ... un mito inarrivabile, quanto sarebbe stato bello partecipare ad una delle sue feste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, un mito inarrivabile! Quanto alle feste, mi sarebbe piaciuto chiedere più dettagli al venditore di cappelli, ma sembrava ancora risentire dei postumi...

      Elimina