giovedì 3 ottobre 2013

Arizona! (Ma senza i parchi)

Superstition Mountains
Io e Mr K. cominciamo il nostro viaggio di nozze nei parchi del South West precisamente il primo giorno della chiusura di tutti i parchi nazionali degli Stati Uniti a causa della mancata approvazione del bilancio federale (evento piuttosto raro, verificatosi l'ultima volta 17 anni fa). 
Dopo aver affittato la macchina a Phoenix per una cifra astronomica che non voglio neanche menzionare (probabilmente una fregatura da parte dell'agenzia, la Advantage, che vi sconsiglio vivissimamente di utilizzare), procediamo con l'esplorazione dei parchi statali, gli unici ancora aperti insieme a quelli sul territorio delle riserve indiane.

La rocciona di Sedona
Cominciamo con le Superstition Mountains, e con una camminata nel deserto sotto il sole a picco per vedere tanti bei cactus e alcune montagnone rosse.

Da lì ci dirigiamo verso Flagstaff, la porta verso il Grand Canyon (chiuso), passando per Sedona, un centro New Age di una bruttezza imbarazzante, in pratica un grande mall che vende abominevoli oggetti "artistici" e analisi dell'aura. Non si capisce come abbiano fatto questi new ager a stabilirsi in un posto così meraviglioso e a costruirci della roba così brutta.

Lucy's Morning Prayer
Flagstaff invece è carina, una cittadina universitaria a più di 2000 metri di altitudine, dove passiamo dall'estate cocente di Phoenix e dintorni a un gradevole autunno che ricorda certe cittadine della costa est. A Flagstaff faccio colazione con un meraviglioso piatto di uova Benedict ai carciofi e asparagi che mi provocheranno una tremenda sonnolenza per tutta la giornata. Nel delizioso caffè dove mi abboffo a colazione sono in vendita i lavori di un artista locale, ed è qui che faccio una formidabile scoperta: un quadro che ritrae la mitica Lucy di Lucy in the Field with Flowers, il capolavoro del MOBA.


Red Rock State Park

Da Flagstaff partiamo, il giorno dopo, per esplorare un altro parco statale, il Red Rock State Park, anche questo molto carino e naturalmente pieno di roccioni rossi.
Ultima tappa della giornata, la cittadina di Jerome, un ex centro minerario convertito in trappola per turisti ma che mantiene un'aria alquanto insolita e un tantino inquietante, con i suoi vecchi edifici abbarbicati sulla montagna e occupati negli anni '70 da artisti (un po' meglio, forse, di quelli di Sedona). Con una vista spettacolare sulla valle sottostante.

 Jerome 

21 commenti:

  1. È vero, è la stessa Lucy! Ma pensa te dove dovevi andare a scovarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto? Forse vuole dirmi qualcosa...

      Elimina
  2. Oh, Lucy! Prima o poi finirete con uno di quei quadri appesi in casa :P

    RispondiElimina
  3. Ma dai, che te ne fai dei parchi nazionali quando poi trovi nientemeno che la mitica Lucy del MOBA?! E la versione 'in the sky with diamonds' non c'è? Comunque 'sti ammericani sono troppo precisi, mi chiudi i parchi proprio il giorno dopo? Potevano aspettare un po' - magari giusto per la tua honeymoon - e soprattutto dovrebbero imparare da noi che ogni minuto ne tiriamo fuori una nuova, giusto per movimentare le noiose giornate autunnali... Buona continuazione del viaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Oggi lungo viaggio fino alla Monument Valley.

      Elimina
  4. Secondo me se tu alla SF Library Book Sale avessi cercato bene, ti saresti trovata fra le mani anche una biografia della mitica Lucy!
    Ma come viaggio di nozze? Adesso quasi quasi anch'io mi organizzo un viaggio far far away e lo chiamo honeymoon!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, è ridicolo chiamarlo honeymoon due anni e mezzo dopo, ma è il primo viaggio che facciamo da allora, e Mr K è romantico e vuole chiamarlo così. E poi era un regalo che avevamo ancora in sospeso...

      Elimina
  5. Anche ad una coppia di miei amici è successa la stessa cosa. Loro sono circa a metà del viaggio di nozze e adesso hanno trovato tutto blindato.
    Adesso stanno cercando di riadattare il viaggio a quello che c'è ancora aperto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, oltre agli altri problemi, questa storia ha rovinato il vaggio a un sacco di gente.

      Elimina
  6. abbiamo fatto il vostro stesso viaggio nell'ormai lontano 1989. mi stai facendo venire una nostalgia, ma una nostalgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, dai, che adesso troveresti tutto chiuso!

      Elimina
  7. Grazie per Lucy e per gli altri luoghi che ci hai fatto vedere.

    RispondiElimina
  8. Indimenticabile Lucy!
    Bella la rocciona di Sedona...
    Dai che è bello comunque, nonostante la sfiga, no? :)

    Gnam per le uova...anche se a colazione posso immaginare che risultino pesanti (eppure da piccola mia nonna spesso mi nutriva al mattino con uovo sbattuto al marsala o alla coque, ma erano altri stomaci!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sfiga continua a perseguitarci, cara elle. Vedrai il post di domani.

      Elimina
  9. Anch'io come Dede ho avuto una vampata di nostalgia: è un viaggio che mi è rimasto nel cuore. Ma i parchi erano tutti aperti...

    RispondiElimina
  10. no dai il giro parchi proprio quando li chiudono? Lucy del MOBA? la prossima volta giro a Padova con benedizione al Santo inclusa :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia mamma me lo dice sempre che devo andare a Lourdes.

      Elimina
  11. capisco lo scazzo ma sicuramente sara' un viaggio unico: tutto quello che vedrete in questi giorni non lo avreste mai visto senza il lockdown!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', insomma, io avrei vissuto una vita piena e felice anche senza vedere 'sto schifo di Farmington.

      Elimina