mercoledì 4 settembre 2013

Gironzolando intorno a casa: libri, tram e cattedrali

I miei libri su San Francisco
Qualche giorno fa ho comprato il mio undicesimo libro su San Francisco. L'ho comprato nella libreria del mio quartiere, la Russian Hill Bookstore, che vende libri usati, libri nuovi su San Francisco e migliaia di biglietti d'auguri per tutti i gusti. L'ho comprato appositamente nella libreria del mio quartiere, a prezzo pieno, perché voglio che la Russian Hill Bookstore rimanga aperta e non finisca come tante altre belle librerie soffocate da Amazon. E l'ho comprato lì anche perché l'autore, Gary Kamiya, abita nella nostra strada e Mr K lo conosce bene.
La sera mi sono messa a sfogliarlo, e ho visto che c'era un capitolo intitolato Maximum City - Jackson and Hyde Street, cioè il quartiere di Kamiya, e anche il nostro. Il capitolo descrive minuziosamente la strada, le sue case, i suoi personaggi: "Up Jackson, the Chinese son of my former landlady has set up housekeeping with his young family in one of the buildings she owns. Another friend, a conceptual artist, lives in another of her buildings The same motley cast of characters has been walking up and down Jackson Street for close to 30 years".
Indovinate chi è il conceptual artist?

Nel mio quartiere c'è anche la mia cattedrale preferita, quella con la vetrata di Einstein e il trittico di Keith Haring, quella dove si fa yoga e si balla. E dove in questo periodo si può vedere una magnifica installazione dell'artista Anne Patterson: Graced With Light - The Ribbon Project. Guardate cosa si può fare con 30 chilometri di nastri.



E poi nel mio quartiere c'è il deposito dei cable car, e anche il loro museo


Queste ruote fanno girare i cavi che muovono i cable car di tutta la città

Il motivo di questa mia insolita simpatia per la città è che in questi giorni è arrivata la brevissima estate di San Francisco, il cielo è blu e oggi sono addirittura uscita in maglietta.


30 commenti:

  1. Devo controllare se quell'installazione coi nastri è stata fatta dalla stessa persona anche in una villa, mi pare, sul lago di Como. In realtà ricordo proprio poco, ma circa un mese fa ho visto delle foto con uno scalone a cui erano legati tantissimi nastri color arcobaleno e mi pare di aver letto che fosse in Italia.
    Estate a San Francisco: Yeah! Goditela!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco! Io qui ho solo indumenti pesantissimi... Non ero preparata al caldo che c'è stato e ho sempre rimandato lo shopping ... Se non sei preparata psicologicamente invece : mi sembra che tu la stia prendendo comunque molto bene :-)

      Elimina
    2. Figurati! Ieri sono andata in piscina dalle 11:30 alle 2. Siccome sul davanti sono abbronzata perché pranzo sulla scala antincendio e prendo mezz'oretta di sole al giorno, ieri ho detto "alè, oggi mi abbronzo dietro. Ho poco tempo: niente crema!" Qualche ora dopo avevo le gambe fluorescenti e il posteriore color babbuino.

      Elimina
  2. Grazie per questo post interessante, leggendoti imparo sempre qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea, come sai è reciproco :-)

      Elimina
  3. Bello sentirti entusiasta, bello anche sapere vita morte e miracoli della cittò che ci circonda, nel bene e nel male :) E ovviamente non è da tutti. Ciao Silvia, ricomincio a scrivere dopo un po', una pausa mentale mi era d'obbligo.
    P.S. non sai quanti uccelli ho visto in Irlanda, tutti i posti dove vanno a nidificare sulle scogliere, ho pure fatto un incontro ravvicinato con un soggetto non ancora identificato, che anzichè volare correva come un pazzo ( ma non era un piccolo ). Delucidami!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Entusiasta è una parola grossa, però senz'altro il sole aiuta a dissipare il malumore.
      Cosa sarà la creatura che hai visto? Mah! Un pinguino maratoneta?
      E comunque, bentornata!

      Elimina
  4. hai capito pure sulla guida Mr K!
    secondo te l'artista farebbe una installazione bonsai nastriforme nella mia casetta la trovo graceful, poi però devo mandare in vacanza Nenè per la durata dell'installazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', si potrebbe venderla a caro prezzo come "palestrina d'artista per gatti". Certo, sarebbe una mercificazione dell'arte, ma pazienza.

      Elimina
  5. Russian Hill e dintorni io me le ricordo come alcune delle zone più belle!
    W il sole e w i giri in città.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, qui siamo ancora molto "Old San Francisco" (solo i prezzi delle case non sono affatto old, ma finché c'abbiamo il rent control, di qui non ci schioda nessuno). Da queste parti abitava pure Dashiell Hammett (Post & Hyde, più o meno).

      Elimina
  6. E l'artista concettuale nemmeno lo sapeva di essere citato nel libro? Dì la verità, l'hai comprato per quello!
    Inutile dire che ammiro e appoggio la tua politica nell'acquisto libri :)
    Fantastica l'installazione coi nastri, quella cattedrale piace sempre di più anche a me! Mai visto niente di più atipico nel suo genere!
    Ultimo pensierino: capisco bene la tua simpatia per la città visto il cielo azzurro, io ogni inverno mi lamento e borbotto che voglio andar via di qua, che basta star qui con questa umidità, che andiamo al caldo, andiamo a star meglio...poi arriva la primavera e questa città diventa meravigliosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, giuro, non lo sapeva!
      La cattedrale l'adoro, c'è pure la Dean lesbica! Tra un po' divento episcopaliana.

      Elimina
  7. Bastano un cielo blu e due raggi di sole per cambiare la visione del mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in pratica ho scoperto di essere gravemente meteoropatica.

      Elimina
  8. Sì, ho capito, ma così non vale! Non è che tutti ora possiamo innamorarci di San Francisco e del tuo quartiere!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non preoccuparti, non riesco mai a essere positiva a lungo.

      Elimina
  9. ottima cosa sostenere quelle librerie brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai lo faccio per principio, e cerco di ricorrere ad Amazon solo quando strettamente indispensabile.

      Elimina
  10. YEEEE!!! Evviva l'estate! Evviva le librerie! Evviva i 30km di nastri... 30 km di nastri?!!! PAZZESCO!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, viva l'estate. Anzi, ora vado a fare un giro.

      Elimina
  11. Caspita mi ci hai fatto pensare tu ai danni di Amazon...
    Buona estate a San Francisco :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma danni gravi, eh. Sapessi quante librerie hanno già chiuso, qui :-(

      Elimina
  12. Finalmente l'estate anche per te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E il bello è che coincide con un paio di giorni di relax subito dopo un periodo particolarmente pesante. Ho appena messo un vestito così estivo che non ci credo neanch'io, e sto per andare in piscina per un paio d'ore! (Morirò di freddo.)

      Elimina
  13. UN po' di sole cambia anche l'umore.

    Un bacione e buona giornata!

    RispondiElimina
  14. mi fa impressione pensare che mentre giravo quattro anni fa per san francisco (prima che arrivasse l'estate, era inizio agosto e si schiattava di freddo) giravo per il tuo quartiere!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potresti anche tornare e suonarmi il campanello. Tanto di freddo si schiatta sempre. Non ti credere, la chiamo estate ma solo perché segna un discreto miglioramento diurno. La sera comunque SEMPRE maglioncino e giacchetta, come minimo.

      Elimina