martedì 18 marzo 2014

La maledizione della viaggiatrice e l'oasi incantata/3

(Continua da QUI)

Questo posto è un paradiso. L'altra volta mi aveva colpito per la sua bellezza, ma non c'era nessuno, non avevamo potuto comprare il vino, e così abbiamo deciso di tornare. 
E abbiamo fatto bene, perché il Forteto della Luja è un posto davvero speciale. Il proprietario ci accoglie e ci mostra l’azienda agricola/oasi del WWF, raccontandoci la sua storia. La sua famiglia ci vive da molte generazioni, e ha sempre prodotto i suoi vini in modo tradizionale; i vigneti, che si trovano su un terreno molto ripido e stretto, sono sempre stati lavorati a mano, senza l'uso di diserbanti che alla lunga avrebbero portato a un dilavamento del terreno, e con l'aiuto di cavalli per trasportare l'uva nel periodo della vendemmia. Non si tratta perciò di un’azienda che dopo anni di coltivazione convenzionale è passata al biologico: questo terreno non è mai stato inquinato, è sempre stato coltivato con metodo biologico da molto prima che qualcuno decidesse di chiamarlo biologico. Anche la lotta contro gli insetti nocivi viene fatta disponendo nidi artificiali per favorire la riproduzione e lo stanziamento di piccoli uccelli. Oggi il metodo tradizionale si affianca a una conoscenza scientifica delle tecniche di vinificazione, e all'uso di energie pulite come i pannelli solari.

Giovanni Scaglione, il proprietario, ci racconta che il loro vino viene da sempre prodotto con l'antico sistema della "madre del vino", e ci mostra la piccola cantina in pietra che risale al 1700, dove ascoltiamo la madre del vino che sfrizzola allegramente dentro una botte. Ci mostra anche i suoi "trattori", due bei cavalloni di montagna, il maschio narcisista che scaccia la femmina quando si accorge che sto per fotografarli. 

Questo terreno non contaminato da diserbanti è l'habitat ideale di una specie vegetale la cui presenza è un indicatore di assenza di inquinamento: l'orchidea. Un giorno un gruppo di volontari del WWF che stavano osservando le orchidee della zona si sono accorti che sul terreno dell'azienda agricola ne crescevano ben 21 specie, e così nel 2007 hanno proposto a Giovanni di trasformare il Forteto della Luja in un'oasi affiliata al WWF. Se la visitate in maggio potrete vedere la fioritura delle orchidee, e anche una grande quantità di farfalle (in maggio c'è la Festa delle orchidee spontanee, e in luglio la Festa delle farfalle, con musica dal vivo). E se la visitate in qualsiasi momento potrete degustare il vino, che è squisito: la specialità è il Loazzolo, un passito di moscato vendemmia tardiva molto raro, ma noi abbiamo comprato anche un'ottima barbera. 

Cavallo Narciso in posa
Cavallo Narciso al lavoro

E se volete c'è anche un servizio Tv:




41 commenti:

  1. che posto splendido e quella prima foto, pare il posto ideale dove piazzarsi con un buon libro

    RispondiElimina
  2. Le foto confermano quello che scrivi. Abbiamo un'idea molto simile di paradiso... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mi chiedessero qual è un posto ideale per vivere, direi questo.

      Elimina
  3. Bellissimo! Mi ricorda proprio il Roero, orchidee a parte... Non so se da noi ci siano. Appena ho tempo guardo il video per saperne di più, ora sono di fretta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da lassù si vede anche il Roero, c'è una vista magnifica.

      Elimina
    2. Molto bello anche il video... Così mi fai venir voglia di tornare!

      Elimina
  4. occorrerebbe ripartire dall'amore per la terra e forse potremmo trovare qualche risposta per la nostra disastrata economia ...ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo che sia impossibile, io vedo solo esempi che vanno in senso contrario, questa è un'eccezione straordinaria. Dalle mie parti (lago Maggiore, ma è così dappertutto) l'elemento più comune del paesaggio è la gru, e il rumore più frequente quello della motosega che abbatte gli alberi.

      Elimina
  5. Un paese chiamato "il paese dei lupi" non molto lontano da casa mia. Anche il mio paese è chiamato così, i lupi c'erano eccome.
    Ogni anno vado nelle langhe a godermi i panorami, i profumi e il cibo. Non mancherò sicuramente di farmi un giro anche qui.
    Amo questi luoghi, non puoi immaginare quanto.
    Un caso saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo consiglio, è un posto molto speciale!

      Elimina
  6. No, ma che meraviglia! Vino prodotto da madre, ventuno specie di orchidee, ... Un sogno. Grazie per la segnalazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tutto completo di bambina bellissima figlia dei proprietari che scorrazza felice sul prato mentre noi degustiamo barbera al sole... un sogno davvero.

      Elimina
  7. Grazie! Ho già annotato l'indirizzo e sono pronta per partire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi dormire nel bell'agriturismo di cui parlavo l'altra volta, che è proprio lì vicino.

      Elimina
  8. con questo post ho preso una boccata di ossigeno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci abbiamo messo un po' ad arrivare ma ne è valsa la pena!

      Elimina
  9. che bella storia! Vorrei trovarmi li' all'istante...

    RispondiElimina
  10. Bellissimo posto e bellissima storia! Come vorrei che fosse andata così' per quelli che appunto facevano il biologico prima che si chiamasse tale, e che sono stati costretti a cambiare, a "modernizzarsi" per non morire… Io proporrei: e se invece di fare un libro su SF tu ti dedicassi a scoprire i tesori nascosti della tua regione Italiana? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo tardi, sarà per il prossimo ;-)

      Elimina
  11. Che bel post ... o! Peccato sia lontano dal profondo Sud.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', in effetti non è proprio dietro l'angolo...

      Elimina
  12. Io abito nel Roero Pocapaglia Frazione Macellai..1500 anime...ora vivo in Germania per lavoro e ti stio scrivendo dalla terra tedesca. Un mio collega di lavoro in Ferrero veniva da Loazzolo. Non sono mai stato la al Furteto della Luja ma quelle terre le conosco benissimo. Le langhe sono un luogo ideale per le orchidee quella che vedo in primo piano l´ho incontrata spessissimo nei sentieri percorsi dal Fenoglio dalla cascina del Pavaglione nei luoghi della malora....tra i nostri amici ci sono coppie che ´hanno lasciato tutto per vivere la´ nella natura....per le trattorie ti consiglio Trattoria Universo a Cossano Belbo..una delizia assoluta con Marisa che cucina....

    RispondiElimina
  13. Beh sono posti che conosco assai bene....quella orchidea la incontri tra un mesetto se percorri i sentieri...io abito nel Roero a Pocapaglia famosa per le Rocche e la Masca Micilina il buon vino (mio suocero ha la vigna di nebbiolo) e la carne (mio suocero macella i vitelli). Veniteci a trovare eh!

    RispondiElimina
  14. E dinenticavo di dirti che mio figlio Damiano 3 anni ormai va in giro con il trattore John Deer del nonno...sin da piccoli bisogna svezzarli...le orchidee sono spettacolari. Vi e´un bellissimo studio sulla distribuzione areale e riconoscimento delle orchidee di Langa pubblicato dal museo naturalistico di Alba. Vi sono autentiche assolute rarita´ soprattutto nei versanti solatii che si affacciano alla Liguria nella commistione del clima continentale padano con quello mediterraneo órmai vicino. Ci sono luoghi incantevoli come Roccaverano Santo Stefano Belbo la strada magnifica che da Nizza Monferrato porta ad Acqui Terme tra vigneti spettacolari. E´ una terra di grandi artisti e di grandi scrittori. Un vero tesoro per l´Italia amatissimo da svizzeri tedeschi e americani che si stanno comprando di tutto di piu...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', se comprandolo lo preservano dal cemento, non mi dispiace affatto.

      Elimina
  15. Fanno delle ristrutturazioni spesso meravigliose e imparano a fare la robiola anzi di diro di piu´ alcuni anni fa incontrai vicino Mombaldone se non ricordo male una coppia di svizzeri che vinsero il primo premio come migliore robiola e che noi andammo a trovare: ecco la loro vicenda...
    http://www.saporidelpiemonte.net/blog/la-robiola-di-roccaverano-dop-finisce-sul-tavolo-del-g8-i-sapori-veri-del-piemonte-fanno-scuola-e-tendenza-anche-davanti-ai-grandi-che-discutono-i-destini-del-mondo/

    RispondiElimina
  16. Già mi allettava la foto della sdraio in apertura, poi la casa di campagna con quel bel colore delle persiane, quando poi sono arrivata a leggere di tutte le specie di orchidee ho pensato che prima o poi dovrò andarci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se poi ti piace il buon vino, hai una ragione in più!

      Elimina
  17. Che posto meraviglioso e... orchidee spontanee! Ci devo assolutamente andare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che non sei lontana, prova ad andarci in settimana (chiama prima). E preventiva un acquisto di ottimo vino!

      Elimina
  18. Sembra un posto bellissimo, ci voglio andare al più presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho appena scoperto che gli abitanti dei paesi vicini prendono un po' in giro quelle zone per il loro isolamento, ma questo ovviamente le rende ancora più affascinanti ai miei occhi.

      Elimina
  19. sono lontana e leggo solo i giornali sul web, quindi e' rinfrescante leggere che queste realtà in Italia esistono e diffondendone la notizia, spero che molti prendano la via della campagna. Noi la vorremmo prendere ma qui in Peru e stiamo da tempo cercando un terreno adatto, che nella zona nostra vuol dire con i documenti di proprietà in ordine

    RispondiElimina
  20. che bello ricordare che queste relata in Italia esistono ancora e spero che molti siano spinti q riprendere la via delle campagne o dei piccoli borghi. Noi ci vorremmo riuscire qui in Peru ma nella nostra zona vuol dire trovare un terreno con i documenti di proprietà in ordine. Cmq prima o poi ci riusciremo !

    RispondiElimina