lunedì 14 novembre 2011

Il traduttore che scambiò una corda per un cammello

È più facile per un cammello passare attraverso la cruna di un ago, che per un ricco entrare nel regno di Dio” (Mc 10,25; Mt 19,24; Lc 18,25). 
Si tratta di semplicemente di un'iperbole, come siamo abituati a pensare, oppure di un errore di traduzione dovuto a un caso di polisemia

Secondo i sostenitori della teoria della "priorità aramaica", il Nuovo Testamento e/o le sue fonti furono originariamente scritti in aramaico, invece che nel greco koiné con il quale ci è pervenuto. Nell'ambito di questa teoria si è ipotizzato che alcune parole polisemiche aramaiche abbiano generato errori di traduzione.
La parola aramaica גמלא gamal può significare, infatti, sia “cammello” sia “corda”. Il presunto traduttore greco avrebbe quindi semplicemente scelto il senso sbagliato del termine, trasformando  l'iperbole moderata di una corda che si tenta invano di infilare nella cruna di un ago nell'iperbole estrema del cammello contorsionista che sicuramente ha impressionato molti bambini in età da catechismo.

Di contro, nella letteratura rabbinica antica sono presenti paragoni iperbolici simili (cito, con dovuta cautela, da Wikipedia):

"'Chi può far passare un elefante per la cruna di un ago?' (Talmud Babilonese, Baba Mezi'a 38b).
'Non mostrano una palma d'oro, nemmeno un elefante passante per la cruna di un ago' (Talmud Babilonese, Berakoth, 55b).
A loro volta i sostenitori della priorità aramaica notano che il Talmud fu redatto per iscritto solo in epoca tarda, verso l'inizio del III secolo d.C.: non è da escludere a priori che in tali 'loci' abbia recepito l'errata iperbole del Nuovo Testamento."

Si tratta di un'ipotesi molto controversa, per ovvi motivi che hanno a che fare con la religione più che con la teoria della traduzione, ma immaginiamo per un momento che sia vera. Forse questo proverbio non sarebbe così universalmente diffuso nella nostra cultura, se ci fosse stata la corda al posto del cammello. L'immagine sarebbe stata calzante e coerente, ma avrebbe davvero avuto altrettanto successo, se la sua stranezza non avesse tanto colpito l'immaginazione dei bambini in età da catechismo?

16 commenti:

  1. Quando io ero piccola non sapevo cosa fosse un cammello e nemmeno cosa fosse una cruna. Per cui la lettura a messa della parabola non aveva alcun senso per me. Una volta spiegato l'arcano, mi vennero in mente i Barbapapà e non mi stupii più che il cammello (visto solo in versione plasticosa nei presepi) potesse passare attraverso quella piccolissima cruna. Poi, in Israele, ho trascorso una notte intera addossata a una rete dietro alla quale dormiva un cammello sputacchiante e tutta l'iperbole della parabola mi si è esplosa letteralmente sotto gli occhi. E ho capito che davvero un ricco non entrerà mai nel regno dei cieli ( e nemmeno io, ma questa è un'altra storia)...

    RispondiElimina
  2. Sì, ecco la soluzione! I Barbapapà! Mi sa che da piccola ci avevo pensato anch'io. :-))

    RispondiElimina
  3. I Barbapapà! Io non ci avevo pensato ma mi sembra che siano perfetti!
    Effettivamente non ho mai afferrato il nesso tra ago e cammello, però mi dicevo che magari faceva parte delle usanze del luogo di origine, fare questi tentativi...

    RispondiElimina
  4. Sono sicura che, se facciamo un'indagine, troveremo tantissime persone che da bambine hanno avuto perplessità davanti all'immagine della cruna e del cammello. E chissà quante hanno pensato ai Barbapapà! :-)

    RispondiElimina
  5. Eh gia', che ridere! Un po' come Maria che, lungi da me voler esser blasfema, non era "vergine" ma "giovane". ;)

    RispondiElimina
  6. Eh, in un caso del genere le conseguenze sarebbero un po' più importanti...

    RispondiElimina
  7. Bsta il buon senso per capire che quella è una traduzione sbagliata dall'aramaico al greco. A chi verrebbe in mente una così assurda parabola camellifera?

    RispondiElimina
  8. Buongiorno, purtroppo su questo argomento tutti ripetono la solita tiritera, ma volendo approfondire personalmente, ho scoperto che la nota espressione evangelica non è un affatto errore di traduzione, ma solo di interpretazione. Il "cammello" e la "cruna" corrispondono ai nomi delle due lettere ebraiche gimel e qoph, con riferimento ad un simbolismo che ricalca l'opposizione tra gimel e daleth, già presente nel talmud e nella qabbalah.
    Se vi interessa, lo trovate pubblicato in questo link:

    https://www.academia.edu/28748542/Il_cammello_nella_cruna_dellago_2016_

    Cordiali saluti

    Filippo M. Leonardi

    RispondiElimina
  9. ricordo da piccolo (anni '60) che il mio parroco don Elia Martini diceva sempre che era una traduzione sbagliata: Primo, Gesù parlava a pescatori del lago di Tiberiade e non a cammellieri del deserto. Secondo in aramaico Gamal significa sì cammello ma anche "fune" visto che spesso le funi venivano fatte col pelo del cammello stesso. Da cui il possibile equivoco. Ma ai pescatori risultava più accessibile la sproporzione tra qualcosa di conosciuto come una gòmena o fune da barca e la cruna di un ago che non un cammello!

    RispondiElimina
  10. Con tutto il rispetto per il parroco, questa della "fune" è una leggenda metropolitana che si basa sul sentito dire... In verità GAMAL in ebraico o Gamla in aramaico significano soltanto "cammello". In greco κάμηλος è il cammello. Alcuni dizionari riportano anche κάμιλος che dovrebbe significare "fune" ma quando si va a vedere la citazione, si trova soltanto Aristofane che però dice πρωκτὸν δὲ καμήλου. cioè, absit iniuria verbis, "buco del culo di cammello" (Aristofane, Le vespe, v. 1035). Di funi non se ne parla proprio.

    RispondiElimina
  11. Myriam,Maria per greco e latino,era una giovane,non una vergine.Ebbe il suo figlio primogenito,come specificano i Vangeli.In seguito ce ne furono altri, i fratelli e le sorelle di Gesù.In tutto ciò non c'è nulla di strano,anzi è tutto perfettamente normale alla luce della civiltà giudaica del tempo.Le stranezze sono venute secoli dopo,quando l'abusiva chiesa cattolica apostolica(poi romana)ha sentenziato, attraverso dogmi emanati da concili fasulli,convocati e presieduti da imperatori,che le cose stavano diversamente. E da allora le invenzioni non si sono più contate! Purtroppo la maggior parte dei fedeli ignora tutto ciò, non conosce le Scritture e non conosce la storia del cosiddetto cristianesimo,col quale Gesù detto Cristo non ha nulla da spartire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Egregio "Unknown", non voglio giudicarla pregiudizialmente... ma visto che sputa sentenze sull'ignoranza dei fedeli, sarei curioso di sapere se la sua opinione è almeno supportata dalla conoscenza del greco o dell'ebraico, ovvero se ha una conoscenza diretta delle Sacre Scritture piuttosto che per sentito dire.

      Elimina
  12. Maria o Miriam era vergine prima di avere rapporti con Giuseppe, quando l'Angelo Gabriele inviato da Dio le appare e le annuncia che partorirà Gesù, essa risponde come può avvenire se non conosco uomo , ma l'Angelo le risponde che lo spirito santo scenderà su lei e la potenza dell' altissimo la coprirà con la sua ombra è ovvio che qui conoscere uomo indica l'avere rapporti sessuali dato che Maria conosceva già nel senso stretto del termine Giuseppe , inoltre così si è adempiuto la profezia " ecco : la Vergine concepire e darà alla luce un figlio che sarà chiamato Emmanuele che significa Dio con noi perchè in effetti Gesù è Dio il verbo incarnato

    RispondiElimina
  13. Dopo aver partorito Gesù, in effetti Maria come giusto che fosse ebbe rapporti con giuseppe , ed ebbe altri figli , che quindi sono fratellastri di Gesù dato che il cristo è il figlio dell'altissimo , e questo lo dice la Bibbia , poi sul fatto che la chiesa romana sia corrotta ,questo non pregiudica ciò che scrive la Bibbia che è parola di Dio.

    RispondiElimina
  14. Sono altre dottrine che si è inventata la chiesa romana , come ad esempio Maria coredentrice , che è una falsità assoluta in quanto la Bibbia afferma , esiste un solo redentore un 'solo nome ci è stato dato per la nostra salvezza e questo nome è Gesù cristo ' oppure l'assunzione di Maria altra falsità in quanto la Bibbia afferma Giovanni 3 ,13 nessuno è acceso al cielo se non colui che è disceso dal cielo , e in ogni caso la Bibbia non parla di nessuna assunzione di Maria, investigate le scritture .

    RispondiElimina
  15. Egregio Carmelo, ce l'ha tanto con la Vergine Maria ma il suo nome o nickname è quello del Monte Carmelo su cui si insediò l'Ordine Carmelitano, che tramandò l'antico culto mariano della Beata Vergine Maria detta appunto del Carmelo. Ora, a prescindere dalle sue ragioni, è evidente che il suo intervento è puramente polemico e fuori tema. Si parlava del cammello !

    RispondiElimina