mercoledì 24 ottobre 2012

Una sorpresa alla radio

Vi ho già parlato dell'articolo pubblicato qualche giorno fa su Nazione Indiana sulla situazione dei traduttori letterari negli Stati Uniti.
Ebbene, ieri mattina, mentre leggevo la posta e ascoltavo la radio, ho sentito fare il mio nome. Era Vittorio Giacopini, il conduttore di Pagina 3, che parlava del mio articolo. La sorpresa è stata così grande che non ho neppure fatto in tempo a emozionarmi!
Potete riascoltare la puntata qui (io sono al minuto 19.50).

P.S.: l'articolo è stato ripreso anche sulla rassegna stampa mensile dei migliori articoli culturali fatta da Oblique.

26 commenti:

  1. Grande! Queste sono piacevoli sorprese. Buonissima giornata

    RispondiElimina
  2. http://tinyurl.com/9svxz2t Ti ho immaginata all'incirca così :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahaha la prossima volta, se ti impegni... ;P

      Elimina
    2. Lo stupido blogger inverte i commenti, però ci siamo capite ;-)

      Elimina
  3. Ho letto ieri l'articolo e naturalmente ne ho parlato anche con Mr. Fedo, è molto interessante dato che in effetti è un argomento di cui non si parla molto e per chi non è del settore è praticamente sconosciuto... Piano piano leggendoti ci faremo una cultura in campo di traduzioni e traduttori ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, in effetti il mio scopo - per quello che posso - è proprio quello di portare fuori la traduzione dal mondo degli addetti ai lavori, perché solo così i traduttori riusciranno a ottenere qualche riconoscimento in più per il loro lavoro.

      Elimina
  4. Risposte
    1. Sì, è stato anche merito di Giuseppe Zucco di Nazione Indiana che mi ha chiesto se volevo scriverlo, così, senza conoscermi, sulla fiducia.

      Elimina
  5. Tu sei sorpresa perché i veri "Grandi" non sanno di esserlo. Per molti/e di noi che ti leggono assiduamente è ordinaria amministrazione. Davvero ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, dai, cerco solo di far bene il mio lavoro :-)

      Elimina
  6. Ho provato più volte a cliccare su "ascolta", ma non succede niente. IMBRANATIOOOOON!

    Comunque, complimenti, Silvia! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'inizio non ci riuscivo neanch'io, poi un'anima gentile mi ha spiegato che occorre attivare i pop-up per quella pagina (su Firefox: Strumenti - Opzioni - Contenuti - Blocca le finestre pop-up - Eccezioni - Inserisci url della pagina).

      Elimina
  7. Purtroppo nemmeno con le tue istruzioni riesci ad ascoltarti ( imbranatissima sono) però ho letto il tuo articolo, sono un'accanita lettrice del tuo blog, ti conosco e sono sicura che sia andata benisimo. Complimenti, carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, lo sai che la stima è reciproca. Il programma non era un'intervista, era solo Giacopini che descriveva brevemente il mio articolo, e non ho potuto trattenermi dal vantarmene un po' :-)

      Elimina
  8. CopioIncollo il commento di Gio Ve!!
    :-)

    RispondiElimina
  9. Grandissima! Ed io che pensavo alla triste sorte del traduttore italiano. Ma nei paesi del Nord Europa invece?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', ecco, non è che in Italia siamo messi benissimo...
      Nei paesi del Nord Europa, azzardo io, staranno molto meglio, come tutti lassù, però non ho dati precisi: io bazzico solo gli americani!

      Elimina
  10. l'intervista mi era piaciuta molto, sono contenta che ti abbiano trasmesso in mondovisione. Certo, mi sarei aspettata di sentirti allo Zoo di Centocinque o su Radio DJ, comunque va bene anche Radio Rai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come allo Zoo? ;-D
      Su queste radio commerciali ci vado solo se mi fanno tenere un programma musicale.

      Elimina
  11. Merita un'emozione allora! E anche una grande soddisfazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, è stato un bel modo per cominciare la giornata!

      Elimina