giovedì 25 ottobre 2012

Word of the month/2: Baracknophobia


Again from Word Spy. Not new but absolutely topical.

BARACKNOPHOBIA
n. Negative feelings about U.S. presidential candidate Barack Obama, particularly those based on racism or unfounded rumors. [cf. arachnophobia.]





19 commenti:

  1. Spettacolare. Dell'inglese amo proprio questo: la capacità illimitata di sfornare termini nuovi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, l'italiano è un po' più rigidino (anche mentalmente) in questo campo, però con qualche sforzo possiamo arrivarci anche noi.

      Elimina
    2. Guarda, potremmo creare un bel dizionario di italiano creativo! Io ho amici molto creativi a riguardo, e pure io non scherzo se sono ispirata :-D

      Elimina
    3. Ma sei che non è mica una cattiva idea? "Dizionario di italiano creativo"... il titolo già mi piace.

      Elimina
    4. Anche italiano impazzito non sarebbe male, ma forse quello è un altro genere di dizionario ;-)
      Buon lavoro.

      Elimina
    5. Potresti aprire un post ap-post-a e metterlo in vista da qualche parte sulla HP, in modo da aver la possibilità di aggiungere i termini, man mano che ci vengono in mente. :-)

      Elimina
    6. Il problema è che qui di fianco non ho più spazio. Avevo provato anche a mettere un elenco dei commenti più recenti come mi avevi suggerito tu, ma non ci sta. Adesso vedo se mi viene in mente un'idea!

      Elimina
  2. L'immagine, a prima vista, mi ha generato un sussulto.
    Sembrava la foto ricordo di un prete "nero" con la Cupola di San Pietro sullo sfondo... :-)

    RispondiElimina
  3. Anche Romnesia non e' male. Romney + amnesia.
    Riferito alla tendenza del candito a negare le cose dichiarate poco tempo prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella! Ho sentito anche "Obamalot", da Obama + Camelot. Un accademico lo ha messo anche in un libro.

      Elimina
    2. Ai repubblicani invidio Frank Luntz, un genio delle parole al servizio del male.

      Elimina
    3. Già, magari se ci fosse stato uno come lui con Obama ci saremmo evitati lo scivolone del primo dibattito.

      Elimina
    4. grande blitt http://barryblitt.com/wp-content/uploads/2012_10_15-512x700.jpg

      Elimina
    5. Sì, era una copertina eccezionale!

      Elimina
  4. Obama Bin Laden? L'ho sentito un sacco di volte :D
    E qui c'è il poll in tempo reale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, che bello, grazie! Così mi angoscio in diretta!

      Elimina
  5. La parola in sé è straordinaria, ma anche "romnesia", che ho appena letto non è male. Parteciperei volentieri alla creazione di parole analoghe per i nostri politici, ma per loro, forse anche uno sforzo di fantasia sarebbe troppo. Mi limito a qualificarli con parole che, se non nel dizionario, nell'uso comune ci sono già. Sui nostri politici efficacissimi (anche se un po' volgari, ma di una sana volgarità) sono i neologismi e le espressioni create dal "Vernacoliere"(un giornale satirico livornese) che qui, per pudore, non ripeto, ma che potrebbero far parte del dizionario dell'italiano creativo (... se mai riuscissimo a crearlo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, se c'è una cosa su cui l'italiano riesce a essere creativo sono le parolacce (e i toscani - vedi Vernacoliere - insegnano: indimenticabile la scena blasfema di Benigni in "Berliguer ti voglio bene")!

      Elimina