domenica 9 dicembre 2012

La cinciotta

La cinciotta è arrivata l'altro giorno. Tutta paffuta di freddo, se ne stava appollaiata impassibile sulla ringhiera del balcone, e non si è mossa neppure quando ho cominciato a fotografarla. Dopo un po' si è spostata sul piattino per mangiare, e quando l'ho vista pencolare tutta sghemba da una parte ho capito il motivo della sua flemma: la cinciotta aveva una zampina sola. Dopo un rapido consulto con Chiara l'ornitologa ho capito che non potevo fare niente: se la cinciotta se l'era cavata finora, c'erano buone probabilità che avrebbe continuato a cavarsela. Ieri mattina però, non vedendola arrivare, mi sono un po' preoccupata. Finché non ho visto una cinciarella lanciarsi tutta combattiva sul piattino per scacciare una cincia mora, e un istante dopo tirare su la zampina acciaccata dall'impatto: la cinciotta non è zoppa, insomma, ma forse solo un po' imprudente.

Se volete anche voi avere uno spettacolo quotidiano come quello che ho io sul mio balcone, seguite i facili suggerimenti che trovate sul sito del CABS. E poi date un'occhiata a questo delizioso video (il cibo che vedete non è pane, sono biscotti sbriciolati. Il pane non fa bene agli uccellini, li gonfia senza nutrirli).


37 commenti:

  1. Superba e bellissima, la tua cenciotta. Se hai qualche minuto, ti invito a dare un'occhiata a questo blog di Marianne, una mia amica olandese . Fa la postina, ma insieme al marito ha una seconda casa nei Sudeti (Cèchia) dove ama fare il bird watching.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua amica Marianne è una fotografa eccezionale! Grazie, andrò spesso a vedere il suo blog.

      Elimina
    2. Che bello il blog dell'amica di Gio! :-)

      Elimina
    3. Sito stupendo!

      Elimina
  2. ADORO!!!!!Grazie Silvia!! Io ho un mare di passerottini che vengono a mangiare sul balcone:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da noi i passerotti sono molto diminuiti: è da anni che i passeri sono in calo :-(
      In compenso quest'anno ci sono tantissime cince more. Anzi, adesso vado a preparare un po' di briciole da mettere sul piattino per la cinciotta zoppa.

      Elimina
  3. Devi assolutamente leggere questo

    http://deladelmur.blogspot.it/2012/05/il-ladro-di-biscotti.html

    :)
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  4. Bellissimo il tuo post e anche molto utile il link che hai messo.
    I passeri non si vedono più neanche qui da me.
    E' come se fosse scomparsa una parte della mia infanzia.
    Ciao Silvia, buona domenica!
    Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, secondo il sito della LIPU, i passeri sono diminuiti del 50% negli ultimi 30 anni, tanto che oggi sono addirittura inseriti nell'elenco delle specie a rischio.
      Tra le cause (da qui): "Determinante, a ogni modo, è la carenza di insetti, in special modo di afidi, nella dieta dei nidiacei. Una dieta quasi solo vegetale ne fa morire molti già nel nido e, quelli che scampano, sono deboli e in seguito vittime di malattie di carattere infettivo. Vi sono poi le intossicazioni da metalli pesanti e da pesticidi, c' è il fatto che le moderne tipologie costruttive degli edifici risultano inadatte alla nidificazione e infine, per quanto riguarda le aree urbane, una gestione del verde pubblico dove piante ed erbe spontanee risultano sempre più rare. Per le aree extraurbane, invece, risulta assai negativa la trasformazione e l' intensificazione delle pratiche agricole, in particolar modo quella delle monocolture, nonché la scomparsa dei terreni incolti, consumati dall' espansione urbanistica."

      Elimina
  5. Qui intorno a casa bazzicano corvi e piccioni, ma vista la popolazione felina presente in casa evito di farli avvicinare troppo. Anche se i corvi sono meravigliosi. L'hai visto questo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha ha, io sono razzista! Detesto i piccioni, e anche i corvi non mi sono troppo simpatici (ma soprattutto odio le cornacchie). Jonathon invece li adora.

      Elimina
  6. Uh! La cinciarella!!! Ma E' a San Francisco o in Italia? Da noi in campagna spesso fanno il nido le cinciallegre, mentre in città ho provato a mettere delle mangiatoie l'anno scorso ma non è venuto nessuno :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Italia (sono felicemente italiana fino all'inizio dell'anno). Però le cince ci sono anche negli Usa: chickadees!

      Elimina
  7. Bene, allora comincero' a ringraziare quelli che danno il pane ai piccioni! Hahaha. Sorry, ma quando si parla di piccioni divento politically incorrect!
    Io ai pettirossi e gazze ladre che regolarmente visitano il mio giardino do i digestives. Mio marito mi prende in giro e mi rimprovera perche' non gli servo anche il tea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I piccioni fanno schifo (e se può consolarti dal dramma della political incorrectness, non piacciono neanche all'ornitologa).
      Buoni i digestives! Gli unici biscotti che riesco a mangiare quando sono negli Usa!

      Elimina
  8. devo assolutamente prendere una casetta per i piccini, altrimenti quelle merdacce dei piccioni si mangiano tutto, alla Cinciolina zoppa ora bisogna trovare un nome

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io prima abitavo in una casetta con un terrazzo sormontato da pini, e facevo il tiro al bersaglio ai piccioni con le pigne. Ora le pigne non le ho più, però abito all'ultimo piano e spesso apro la finestra per tentare di scacciare i piccioni facendo versi sibilanti e battendo le mani. I piccioni tornano subito, e tutto il vicinato mi considera pazza. Se il problema dovesse aggravarsi, conosco un allontanatore che usa i falchi per scacciare le schifide bestiacce.
      Però le palline di grasso e un sacco di altri sistemi consigliati dal CABS sono a prova di piccione!

      Elimina
  9. Noi qui abbiamo le colombe (quanto mi stanno antipatiche!) e i mockingbirds, all'eremo vengono spesso a trovarci i colibri'. Io compro le buste di semini e qualche volta ho dato loro del pane, non sapevo fosse sconsigliato. Per i colibri' invece compro un apposito liquido sciropposo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai colibrì puoi anche dare una miscela di quattro parti di acqua e una di zucchero. Ai "miei" di SF piace molto. Io metto acqua e zucchero in un pentolino e riscaldo finché l'acqua non comincia a bollire, poi spengo subito per non bruciare lo zucchero. Lascio raffreddare (ovviamente) e poi servo nel feeder.

      Elimina
  10. Negli ultimi anni Torino si è popolata di corvi (pare che li abbiano portati apposta per cacciare i piccioni che erano diventati troppi) e gabbiani.
    Io adoro i passerotti, ma non riesco a fotografarli!
    Che bella la "tua" cinciotta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, è per questo che si diffondono? Mah, non mi sembra proprio una buona idea. Corvi e cornacchie, oggi sempre più diffusi, sono dannosi per le colture e anche per gli uccelli più piccoli (sono predatori, e non è che se la prendano selettivamente con i piccoli dei piccioni).

      Elimina
  11. Le colombe ormai la fanno da padrone nel mio giardino e so che mi inzozzeranno la magnolia e dintorni per tutto l'inverno. :-( In compenso ho una famiglia di merli, decine di passerotti simpatici e qualche pettirosso. Bella la tua cinciotta, Silvia e anche il video. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I merli mi mancano tanto. Quando avevo la terrazza venivano sempre a fare il bagno in una ciotola che lasciavo apposta per loro, e d'estate li sentivo sguazzare oltre la finestra aperta. Adesso non vengono più, forse perché il balcone è troppo in alto per loro (e anche per i pettirossi, che mangiano a terra e quindi sono le vittime preferite dei gatti).

      Elimina
  12. Che carina paffutella. Non ne avevo mai visto una, né sentito questo nome!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come, i tedeschi non mettono mangiatoie per gli uccelli dappertutto? Credevo che fossero degli appassionati!

      Elimina
    2. Per ora l'unica che ho visto era al museo della Stasi: le usavano per nasconderci le videocamere e spiare i sospettati di essere nemici dello stato e dell'ideologia socialista.. quindi non c'era quest'uccellino dentro..

      Elimina
  13. che amore la cinciotta ♥
    io il consiglio non lo seguo perchè temo che la cinciotta diverrebbe presto pasto del mio felino...... mi godo la tua :D

    RispondiElimina
  14. Sono stata socia LIPU per anni ma purtroppo non ne capisco nulla (a parte sottoscrivere l'antipatia per i piccioni - le cornacchie almeno sono intelligenti!). Qui a Berlino è pieni di uccelletti paffuti molto carini e agguerritissimi quando si mangia all'aperto. Chissà cosa sono... In ogni caso i tedeschi li adorano: ci sono casette ovunque, anche nel mio giardino. (Il video è bellissimo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono socissima della LIPU, gli do anche il mio 5 per mille.
      Lo sapevo che i tedeschi erano uccellofili!

      Elimina
  15. La cinciotta è bellissima! E forse domenica riesco ad andare in Val Roseg, chissà che non faccia qualche incontro altrettanto simpatico. A proposito, immagino che i semi di girasole vadano bene, anche se cardellini da quelle parti non credo ce ne siano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, certo, i semi di girasole vanno benissimo.
      La prossima volta che vai in Val Roseg organizziamoci, che vengo anch'io!

      Elimina
  16. carinissimi!
    io qua, a parte piccioni e gabbiani che mi danno un nervoso della miseria (i piccioni tonti come sono o ti si infilano sotto i piedi da soli o ti volano addosso) ho i corvi, sono carini perche' a parte il becco sembrano tutti cicciotti

    che dici, se mi metto a fare l'uomo dei corvi reggo il confronto con quelli delle cince?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, l'uomo dei corvi mi sembra un po' inquietante, però, se ti piace...

      Elimina